fbpx
32 C
Milan
lunedì 8 Marzo

Milano, passeggiamo in via Tamburini

Una bella giornata è quel che ci vuole per fare una passeggiata in questa zona. Certamente non andrete incontro al problema di "assembramento". Duole...

Il castello che non c’è più

Più letti

Milano, passeggiamo in via Tamburini

Una bella giornata è quel che ci vuole per fare una passeggiata in questa zona. Certamente non andrete incontro...

A voi la scelta del logo di Milano Cortina 2026

Durante l'ultima serata del Festival di Sanremo, ecco apparire sul palco dell'Ariston Federica Pellegrini ed Alberto Tomba, due campioni...

Nessun mistero per piazza Fontana

Potrà sembrarvi strano ed onestamente la penso come voi. Eppure... Eppure c'è ancora qualcuno che di tanto in tanto ci...
Danilo Dagradi
Danilo Dagradi
Abbandonata agli inizi degli anni 2000 una carriera tra numeri e percentuali, riscopro la passione per Milano e la sua storia ma senza pensare che potesse diventare un lavoro. Con la nascita dei primi social network, avvio un'attività incentrata sulla gestione della comunicazione attraverso anche questi strumenti. Attività che svolgo tutt'ora come Social Media Strategist per aziende e professionisti. Con l'avvio del progetto Milano da Vedere prima e Se Parla Milanes in un secondo momento, divido le mie giornate tra la storia di Milano ed i numeri dei social network...

 

Complice una foto postata su Instagram, ci torna alla memoria questa storia che pensavamo di aver raccontato, ma forse solo a voce.

Siamo in zona piazzale Lotto, per la precisione in via Paolo Uccello. Quello che potete notare passando da queste parti sono i resti di quello che sembra, con un pizzico di fantasia, un muro di cinta.

Neanche poi tanti anni fa, una decina, è iniziato e finito lo smontaggio, pezzo dopo pezzo, di quello che a tutti gli effetti pareva proprio un castello. Ma per capire bene tutta la storia dobbiamo tornare alla fine della seconda guerra mondiale.

Milano è distrutta e le macerie sono ovunque. Si decide di spostare tutto il possibile in un luogo preciso, quello che oggi chiamiamo Monte Stella o Montagnetta di San Siro. Il proprietario del terreno di cui stavamo parlando, iniziò a prendere alcuni di questi “pezzi” di altre case distrutte, altre ancora li comprò e, pezzo dopo pezzo, portò avanti il suo progetto: costruirsi la casa.

Qualche anno e la “casa” era diventata un bel castello con tanto di giardino attorno: mattoni rossi, tipici di Milano, piano terra, primo piano e, come tutti i castelli che si rispettano, la torretta merlata, colonnine e stemmi in marmo.

Anche il giardino aveva il suo perchè con capitelli, altorilievi e colonne. Insomma, un tocco di passato proprio mentre stava per partire il boom economico e la trasformazione, in alcuni versi epocale, di Milano.

Questo fino appunto al 2010 quando la proprietà decise di smontare tutto. Perchè? Si dice, ed onestamente non abbiamo le prove, ma ci possiamo credere, la villa/castello era stata fatta un po’… così, senza fondamenta, senza isolamento…. insomma, non era proprio il massimo viverci.

Venne messo anche in cartello che spiegava non solo i motivi che avevano portato alla demolizione, ma anche la promessa che con quei pezzi, sarebbe stata poi ricostruita a modo. Sono passati 10 anni e della ricostruzione nessuna traccia.

Qui potete vedere alcune immagini di come era: le foto sono di storiadimilano.it

L’ultima foto di Barbara Caramanti mostra quel che è rimasto

via paolo uccello
via paolo uccello

via paolo uccello
via paolo uccello

via paolo uccello

via paolo uccello
via paolo uccello

Leggi anche qui

Piazza Affari: tanta storia nella city

Eccoci a piazza Affari: il nostro itinerario di oggi parte dal centro, anzi da quella che chiamavamo (e ancora...