domenica,14 Luglio,2024
HomeCuriositàFamiglia Pusterla, dimenticata troppo in fretta

Famiglia Pusterla, dimenticata troppo in fretta

Parlare della famiglia Pusterla vuol dire fare un viaggio nel tempo di diversi secoli. Siete pronti?

Partiamo da Francesco Pusterla, detto anche Frnciscolo o Franciscolo. Lo troviamo già nel 1331 nelle vesti di ambasciatore in quel di Avignone per conto di Azzone Visconti. Se la passa bene, è un nobile e addirittura nominato cavaliere nel 1338: partecipa a tornei cavallereschi tra cui quello in onore del matrimonio di Luigi I Gonzaga. Insomma, se la passa bene.

Il buon Francesco era sposato con Margherita figlia di Uberto Visconti. Sì, proprio quella Margherita Pusterla, protagonista del romanzo di Cesare Cantù.

Margherita era una donna molto affascinate e bella ed ovviamente Francesco ne andava molto fiero. Tanta bellezza attirò l’attenzione di tanti uomini… uno in particolare, Luchino Visconti. E voi direte.. erano cugini.. ed avete ragione! Ma Luchino non era interessato alla.. parentela. Voleva Margherita. E quando Francesco Pusterla venne a conoscenza del comportamento di Luchino decise di vendicarsi

Famiglia Pusterla, dimenticata troppo in fretta

C’è sempre il cuore in mezzo alle tragedie ed anche in questo caso andò a finire male. Il Pusterla organizzò una congiura contro Luchino, mettendosi d’accordo con altre famiglie nobili (tra le altre menziono gli Aliprandi). Nonostante le attenzioni ed il segreto, Luchino lo venne a sapere.

Non si poteva fare altro che scappare ed infatti eccoli prima ad Avignone e poi a Pisa. Scelta quest’ultima non ottimale in quanto la città di Pisa dovette chiedere aiuto a Milano per tenere a bada la rivale città di Firenze. Milano accettò la richiesta d’aiuto in cambio (anche) della consegna dei Pusterla: il 17 novembre del 1341 vennero condannati a morte e decapitati.

La fortuna dei Pusterla finì in questo modo. Dalla casa in Sant’Alessandro ad una fine tragica. E a proposito della casa: nei momenti di massimo splendore, la famiglia Pusterla aveva una strana abitudine. Veniva chiamata la Facchinata del cavallazzo.

E in cosa consisteva? Da casa loro si facevano trasportare in quella che oggi chiamiamo piazza Duomo dentro, sì avete letto bene, dentro un cavallo di legno (vi ricorda qualcosa??): arrivati a destinazione il cavallo si apriva ed ecco la famiglia Pusterla uscire con regali per tutti.

Famiglia Pusterla - il vicolo che porta il loro nome
Famiglia Pusterla – il vicolo che porta il loro nome
A tal proposito

Più letti