fbpx
32 C
Milan
venerdì 5 Marzo

Ponte della Ghisolfa, il cavalcavia Bacula

Ponte della Ghisolfa, ovvero il cavalcavia Bacula. Nessun milanese lo chiama così però. Siamo sulla circonvallazione esterna, nel pezzo che dal quartiere Ghisolfa arriva in...

Capunsei, gnocchi di pane mantovani

Più letti

Ponte della Ghisolfa, il cavalcavia Bacula

Ponte della Ghisolfa, ovvero il cavalcavia Bacula. Nessun milanese lo chiama così però. Siamo sulla circonvallazione esterna, nel pezzo che...

Tavolini in piazza, una scelta che divide ma che a noi piace

Approfitto della foto di Nicoletta Saracco per un pensiero al riguardo dei tavolini, in questo caso, in piazza Sant'Alessandro. Non...

Vernate, il comune col Santuario e il Castello

Vernate è un piccolo centro della Bassa situato dalle parti di Binasco nella parte meridionale di Milano all’interno del...

Capunsei: piatto tipico della tradizione gastronomica mantovana che ha un’origine contadina viene preparato con ingredienti di recupero come pane raffermo, croste di formaggio, brodo avanzato e verdure dell’orto.

La provenienza di questo piatto è incerta: alcuni ritengono che provenga dalla tradizione trentina dei canederli, altri pensano che le sue origini siano da attribuire al brodo di Cappone con cui si uniscono gli ingredienti, altri ancora la riconducono ai Caponott piemontesi (involtini di verza ripieni di pangrattato).

I Capunsei vengono cucinati sia in brodo che asciutti a seconda della località in cui vengono preparati: a Guidizzolo si usa cucinarli in brodo o asciutti conditi con olio, burro, cipolla, aglio, prezzemolo, basilico, salvia e rosmarino soffritti, a Volta Mantovana invece si condiscono con burro fuso o con un trito di erbe aromatiche mentre a Solferino si usa riproporre l’antica ricetta che si serviva ai Gonzaga costituita da un’aggiunta di amaretti sbriciolati all’impasto.

I Capunsei di Solferino e quelli di Volta Mantovana hanno ricevuto la De.C.O.

Vediamo la ricetta per prepararli (ingredienti per 4 persone):

500 gr di pane raffermo
2 uova
50 gr di burro
25 gr di grana grattugiato
400 ml di brodo di carne
Noce moscata
Salvia
Sale

Mettete il pane raffermo nel mixer e riducetelo a pangrattato di consistenza molto fine. Versate in una ciotola e aggiungete una grattata di noce moscata e un pizzico di sale. Sciogliete il burro a fiamma bassa in un pentolino senza farlo bollire (il colore non deve cambiare).

Versatelo nella ciotola con il pane e impastate in modo che venga assorbito uniformemente dal pangrattato. Nel frattempo mettete sul fuoco il brodo a scaldare fino a portarlo a bollore. Versate anche il brodo nella ciotola e mescolate aiutandovi con un cucchiaio di legno.

Quando il composto si sarà ammollato lasciatelo raffreddare e poi aggiungete il grana grattugiato e le uova. Mescolate fino ad ottenere un impasto omogeneo dopodiché formate un panetto e lasciatelo riposare per circa 2 ore.

Trascorso il tempo prelevate piccole quantità di impasto e formate degli gnocchi dalla forma cilindrica affusolata. Cuocete i capunsei in abbondante acqua salata e scolateli quando salgono a galla. Nel frattempo tritate finemente le foglie di salvia e mettetele a soffriggere in una padella con due noci di burro. Condite e ricoprite con un’abbondante spolverata di grana.

Capunsei pronti! Buon appetito!

Capunsei
Capunsei

Leggi anche qui

Cassono della Torre, uno degli ultimi Torriani

Cassono della Torre uno degli ultimi Torriani a risiedere a Milano ed occupare cariche importanti. Figlio di Corrado Torriani e nipote...