fbpx

Ristorante da Berti, piatti milanesi e 10 mila bottiglie

Più letti

Il Ristorante da Berti aprì le sue porte per la prima volta nel 1866. All’epoca eravamo praticamente in campagna: con un ampio pergolato ed una bella e grande cantina dove riporre il vino ed il cibo da conservare inizia così la sua avventura lunga, per il momento, più di 150 anni.

Il ristorante da Berti è un raro testimone di quel mondo:  fino agli anni Sessanta era possibile mangiare allietati dalle canzoni in milanese.

Tanti i personaggi che si sono seduti a tavola di questa meravigliosa bottega storica:  Michail Gorbaciov con la moglie, il Presidente Giorgio Napolitano, il maestro  Riccardo Muti per citarne alcuni.

Da Berti la cucina è tipicamente milanese dove in inverno trionfano i piatti della più classica tradizione: nervetti, mondeghili, risotto al salto, foiolo (trippa), il “Magnum alla Berti” ossobuco con risotto, la grande costoletta, la cassoeula, il bollito con mostarda e gelatine di frutta, il baccalà.. insomma, solo a scriverlo viene già appetito!

Ed i piatti sono accompagnati dai vini, custoditi nella cantina del Berti: 10 mila bottiglie di vino italiano che riposano in 6 cave sotto i locali del ristorante.

Via Francesco Algarotti, 20

ristorante da berti
ristorante da berti

Ultime

Profondamente Umano: scatti d’autore e realtà aumentata per chi non può parlare

Il 1° dicembre si svolge al  BASE Milano l’evento Profondamente Umano promosso dal Centro Benedetta D'Intino,  occasione in cui prende vita per la prima volta nel capoluogo lombardo un’installazione...

Potrebbe interessarti