fbpx
32 C
Milan
venerdì 5 Marzo

Ponte della Ghisolfa, il cavalcavia Bacula

Ponte della Ghisolfa, ovvero il cavalcavia Bacula. Nessun milanese lo chiama così però. Siamo sulla circonvallazione esterna, nel pezzo che dal quartiere Ghisolfa arriva in...

Bollani Milano, dal 1930 sulle nostre tavole

Più letti

Ponte della Ghisolfa, il cavalcavia Bacula

Ponte della Ghisolfa, ovvero il cavalcavia Bacula. Nessun milanese lo chiama così però. Siamo sulla circonvallazione esterna, nel pezzo che...

Tavolini in piazza, una scelta che divide ma che a noi piace

Approfitto della foto di Nicoletta Saracco per un pensiero al riguardo dei tavolini, in questo caso, in piazza Sant'Alessandro. Non...

Vernate, il comune col Santuario e il Castello

Vernate è un piccolo centro della Bassa situato dalle parti di Binasco nella parte meridionale di Milano all’interno del...

Bollani dal 1930 produce pane e prodotti di pasticceria con grande maestria.

E’ Ambrogina Bianchi insieme al neo sposo Emilio Bollani ad avviare l’attività aprendo il primo punto vendita in via Tibaldi. Producono 5 tipi di pane differenti insieme a grissini stesi a mano, prodotti di pasticceria e caffè.

Presto si trasferiscono in via Piacenza dove riescono ad aumentare la produzione e ad unire un laboratorio al negozio. Acquistano poi un terreno edificabile in via Tirso e, con i risparmi messi da parte in tempo di guerra quando Emilio e Ambrogina non cedettero alla paura e rimasero a Milano a lavorare, nel 1950 fanno costruire una palazzina di tre piani.

Qui si stabiliscono insieme ai loro quattro figli e aprono una nuova sede del panificio Bollani. Nel 1955 Il secondogenito Giambattista subentra nell’attività di famiglia e, dopo essersi sposato nel 1960 con Iole Matti, porta insieme alla moglie grandi cambiamenti.

Aprono un piccolo supermercato dove oltre a pane e grissini vendono prodotti per la casa. Aumentano la produzione di pane e lo consegnano nelle scuole, nelle case di riposo, in diversi panifici a Milano e Pavia.

Avviano la produzione delle chiacchiere fatte a mano che hanno un successo tale da richiedere l’acquisto di macchinari in grado di aumentare e velocizzare la produzione.

Nel 1982 Giambattista e Iole decidono di allargarsi e acquistano un panificio in piazzale Baracca tuttora esistente e riconosciuto come bottega storica di qualità di Milano. Il negozio passerà nel 1992 a Cesare, secondogenito di Giambattista e Iole, che darà una nuova direzione all’attività: punterà sull’acquisto di negozi di proprietà, amplierà il ventaglio di produzione affiancando alla panetteria la pasticceria, la caffetteria e la tavola calda oltre a rivendere i prodotti a società di catering, ristoranti e paninoteche.

Da vent’anni Cesare ha iniziato a vendere le chiacchiere alla grande distribuzione in tutta Italia e da qualche anno ha iniziato a sviluppare la produzione di panettoni, pandori, veneziane e colombe.

Nel 2017 la firma Bollani è diventato un marchio registrato UE.

bollani
bollani

Leggi anche qui

Chiude il Villaggio di Natale

Chiude il Villaggio di Natale: domani 24 dicembre sarà l'ultima giornata di apertura.   Ne avrete sentito parlare anche se non...