fbpx
32 C
Milan
lunedì 18 Gennaio

Niente sigaretta siamo milanesi: pensiero di un fumatore

La notizia non è certamente nuova: giusto un anno fa se ne parlò come di un provvedimento che sarebbe entrato in vigore da lì...

C’è ancora tanta strada da fare

Più letti

Niente sigaretta siamo milanesi: pensiero di un fumatore

La notizia non è certamente nuova: giusto un anno fa se ne parlò come di un provvedimento che sarebbe...

Casa Galimberti, quel liberty che tutti ammirano

Casa Galimberti è una delle più interessanti e originali opere del liberty milanese. Situata all’angolo tra via Malpighi e...

Finalmente domenica: oggi chi si muove!

Molti di voi avranno visto il film Fantozzi va in pensione. Una delle scene che mi ha sempre fatto...
Danilo Dagradi
Danilo Dagradi
Abbandonata agli inizi degli anni 2000 una carriera tra numeri e percentuali, riscopro la passione per Milano e la sua storia ma senza pensare che potesse diventare un lavoro. Con la nascita dei primi social network, avvio un'attività incentrata sulla gestione della comunicazione attraverso anche questi strumenti. Attività che svolgo tutt'ora come Social Media Strategist per aziende e professionisti. Con l'avvio del progetto Milano da Vedere prima e Se Parla Milanes in un secondo momento, divido le mie giornate tra la storia di Milano ed i numeri dei social network...

Ancora una volta per strada: approfittando dei due giorni “gialli”, ieri ed oggi ho girato un po’ più del solito (il solito di questi ultimi mesi) Milano, il centro e non solo.

Mentre ieri ho voluto girare su due ruote, quelle a motore, oggi ho raddoppiato i pneumatici visto che, lo confesso, ieri di freddo ne ho preso abbastanza. Ad ogni modo, quello che ho notato in questi due giorni non cambia in funzione del veicolo, anche se con lo scooter era leggermente più problematico.

A cosa mi riferisco? Alla condizione del manto stradale. Sappiamo purtroppo bene che ogni qual volta arriva il freddo, quest’anno anche la neve oltre al gelo, le strade si riempiono di buche, ma quello che mi ha sorpreso, purtroppo in negativo, è aver notato alcune strade che da poco erano state sistemate ma che ripresentano ancora oggi i problemi di cui sopra.

Ovviamente non posso fare un discorso per tutta la città, ma solo per i tratti che ho percorso: quello della fine di via Harar per esempio mi ha veramente deluso. Il manto era stato rifatto da poco, ma ieri con la supervisione di un paio di vigili urbani, operai del comune erano impegnati a sistemare 4 buche davvero profonde.

Non 4 ma una decine quelle incontrate in via Cenisio, mentre piazza Firenze, mai sistemata a dovere, presenta problemi enormi, ancora più grandi rispetto al solito, nel pezzo in cui convivono asfalto e rotaie.

Stesso discorso per Melchiorre Gioia dove complici diversi lavori, evitare alcune buche non è proprio facile. Stesso discorso per piazza Monumentale: qui i lavori non ci sono, ma la presenza di diversi tombini anche particolarmente grandi, ha accentuato il problema buche.

Unica nota positiva, anche se a dirla tutta non è un intervento di questi giorni, ma a memoria dei mesi successivi all’estate, la strada che costeggia Santa Maria Podone, il cui stato pietoso avevo documentato appena finito il primo lockdown, è stato fortunatamente sistemato, spero a dovere.

strada da fare
strada da fare

Leggi anche qui

Dalle origini all’Editto di Costantino

Dalle origini all'Editto di Costantino Dalle origini all'Editto di Costantino, la nostra nuova visita gratuita. Ritrovo e partenza da San...