fbpx

Il meglio è qui. Lo diciamo, ma…

Più letti

Danilo Dagradi
Abbandonata agli inizi degli anni 2000 una carriera tra numeri e percentuali, riscopro la passione per Milano e la sua storia ma senza pensare che potesse diventare un lavoro. Con la nascita dei primi social network, avvio un'attività incentrata sulla gestione della comunicazione attraverso anche questi strumenti. Attività che svolgo tutt'ora come Social Media Strategist per aziende e professionisti. Con l'avvio del progetto Milano da Vedere prima e Se Parla Milanes in un secondo momento, divido le mie giornate tra la storia di Milano ed i numeri dei social network...
- Advertisement -
- Advertisement -

Realizzato probabilmente per promuovere un’attività, il video che abbiamo pubblicato ieri e che qui sotto proponiamo nuovamente, ha provocato in noi, particolarmente a chi vi scrive, tante bellissime sensazioni.

Avremo visto il filmato qualche decina di volte e, nonostante in alcuni passaggi faccia davvero ridere, più di una volta ci ha provocato quasi un senso di commozione.

Il motivo è presto detto: quanto viene raccontato nel video, che tra le altre cose è fatto davvero bene, è talmente vero che ci emoziona. Ci emoziona sapere di non essere i soli a considerare il nostro, e parliamo ovviamente dell’Italia, un paese straordinario. Un paese, proprio come viene detto, riconosciuto dal mondo intero (certo, Francia esclusa) come quello più ricco di tutto.

Ma la cosa più vera è quella che viene detta verso la fine: siamo talmente abituati a tutta questa bellezza che non ce ne rendiamo conto, la diamo per scontata. E non sappiamo andare oltre. Lo abbiamo già scritta tantissime volte, a prescindere dal covid: il nostro potenziale è enorme, quasi incalcolabile, ma non siamo capaci di sfruttarlo.

In piccolo, piccolissimo, è quello che 10 anni fa abbiamo iniziato a fare noi di Milano da Vedere con la nostra città: cercare di andare oltre gli schemi, far vedere e raccontare la bellezza di una città troppo spesso racchiusa tra le parole moda&economia e la cui storia si fermava troppo spesso davanti solo al Duomo ed al Cenacolo.

Se moltiplicate tutto questo per l’intera Penisola, capirete bene che avremmo di cui parlare per anni, secoli.

Ma tutto questo non basta: è necessario prima di tutto una riconsiderazione generale da parte del maggior numero di persone affinchè questa ricchezza sia convinzione, oltre che realtà. L’italia c’è, manca la consapevolezza degli italiani. E vi preghiamo di non dare la colpa sempre e solo alle classi politiche, qualsiasi sia il colore: tocca a noi agire per primi, iniziare a fare qualche cosa.

E noi, piccoli ma decisi, qualche cosa in più la vorremmo proprio fare. L’idea ci è già stata data, adesso dobbiamo solo metterla in pratica. Preso vi daremo tutte le informazioni.

Per vedere il video ecco link: https://fb.watch/2VcWQFfZ6G/