fbpx

Che giro mi consigli di fare? Questa era la domanda

Più letti

Danilo Dagradi
Abbandonata agli inizi degli anni 2000 una carriera tra numeri e percentuali, riscopro la passione per Milano e la sua storia ma senza pensare che potesse diventare un lavoro. Con la nascita dei primi social network, avvio un'attività incentrata sulla gestione della comunicazione attraverso anche questi strumenti. Attività che svolgo tutt'ora come Social Media Strategist per aziende e professionisti. Con l'avvio del progetto Milano da Vedere prima e Se Parla Milanes in un secondo momento, divido le mie giornate tra la storia di Milano ed i numeri dei social network...

Sì, questa era la domanda che almeno un paio di volte a settimana arrivava via mail o sui social delle nostre pagine.

Abbiamo risposto a tutti, cercando ogni volta di capire quanto tempo avevano a disposizione, se erano già stati a Milano e cosa avevano visto. Abbiamo consigliato anche i tour che qualche tempo fa abbiamo scritto sul nostro sito, proprio perchè fossero a disposizione di tutti coloro che…passavano da queste parti.

Da quasi un anno a questa parte, zero. Verrebbe da dire ovviamente, ma ovviamente la cosa non ci fa per nulla piacere. Anche perchè a quella domanda, dopo un paio di mesi di silenzio quasi assoluto, le mail che ci arrivano hanno un tono completamente diverso.

Ma è sicuro venire a Milano?” “Come è la situazione davvero a Milano?” “Dovevo venire a studiare a Milano, ma mi hanno consigliato di aspettare. Cosa succede da quelle parti?” : queste sono le informazioni che ci chiedono la maggior parte delle volte.

E rispondere non è così semplice come fornire un tour per la città: primo perchè in tutta onestà, non ce la sentiamo di dare una risposta di questo genere, visto e considerato che non solo non è nostro compito, ma in tutta franchezza, non vorremmo neanche essere coloro che possono condizionare una scelta.

E poi, ecco ve la diciamo tutta, pronti via ci verrebbe da dire “ma certo che è tutto a posto, venite quando volete!” ma sappiamo che non è esattamente così. E’ indubbio che c’è ancora qualcosa che non va e in una città come Milano probabilmente le possibilità di entrare in contatto con qualcuno non proprio in forma (non aggiungiamo altro, per scaramanzia) sono probabilmente più alte rispetto a quello che può succedere in un comune più piccolo. Ma anche di questo non siamo sicuri

E’ un po’ avvilente non poter più, speriamo ancora per poco, rispondere a tutte quelle domande che ci facevano. Anche a quelle che, rimpiangiamo i tempi, odiavamo, tipo “ho mezza giornata, cosa posso vedere a Milano?“. All’epoca avremmo risposto niente, mezza giornata non basta neanche a intravvedere qualcosa. Oggi scriveremmo per ore facendo fare al malcapitato la corsa per vedere il maggior numero di luoghi possibile.

 

HTML tutorial