corso vercelli
corso vercelli

Quando ero bambina andavo a fare compere con mia mamma in Corso Vercelli.

 

Per me, ancora oggi, resta la via più bella di Milano. L’ho sempre trovata elegante e raccolta. A breve sarà anche addobbata per l’arrivo del Natale: una meraviglia!

Ricordo ancora un paio di ballerine nere (lucide), con un bottone in tessuto Naj-Oleari, che mi comprò da Luca. Ho amato quelle scarpe così tanto che ricordo ancora che cambiavo il bottone (attaccato alla scarpa con una clip), a seconda di cosa indossassi (avevo solo due scelte, ma per me era un vero lusso…).

Un altro acquisto assolutamente insperato, fu qualche anno più tardi da Gemellino. Una maglietta della Best Company viola, con le mezze maniche che ho usato per anni, cambiandole ruolo (da maglietta da sfoggiare, a maglia per dormire fino a reliquia nell’armadio). Sono l’ultima di tre sorelle e non sempre era possibile accontentarci, ma quando accadeva era davvero una festa.

E poi la salopette acquistata da Amedeo D. Andai da con un’amica, avevo 15 anni e fu il primo acquisto in autonomia. L’ho usata una sola estate, ma era praticamente una divisa!
La cosa bella è sapere che a distanza di tanti (tantissimi!!!) anni, in corso Vercelli questi negozi esistono ancora. Non è una cosa così scontata, ed è rassicurante avere qualche punto fermo, anche se sotto forma di negozio, del nostro passato.

Non vedo l’ora di arrivare in tram in Corso Vercelli, con gli addobbi di Natale che la illuminano, per tornare ad immergermi nei miei ricordi!

 

Elisabetta Piselli