Luoghi del cuore
Luoghi del cuore

Luoghi del cuore: tutti ne abbiamo almeno uno. Almeno così credo.

 

Io non faccio eccezione e, per quanto mi sia difficile stilare una classifica o dire che uno mi stia più a cuore dell’altro, confesso di avere delle preferenze.

Avrete certamente avuto modo di leggere tante volte quante parole ho speso nei confronti del campanile di San Gottardo in Corte. Ecco questo è fuori da uno dubbio uno di quei luoghi del cuore, milanesi, a cui mai potrei rinunciare. E come lui altri ovviamente, vista la mia enorme passione per la nostra città.

Ebbene mi sono accorto, grazie ad una domanda/critica ricevuta nei giorni scorsi che forse c’è dell’altro.  Uno di voi ha scritto come mai nella nostra pagina facebook non abbiamo messo in copertina il Duomo di Milano od il Castello Sforzesco al posto di quella “chiesa” che nessuno conosce.

Ora, dire che nessuno conosce San Cristoforo sul Naviglio mi pare eccessivo, ma ho risposto che il nostro intento, fin dal 2011, sia sui social che qui sul sito, è quello di far conoscere tutta la città, non solo i luoghi che vengono citati nelle guide turistiche da 2 pagine e mezzo.

Luoghi del cuore: a volte sono nascosti

Scrivendo la risposta però mi sono accorto, complice anche un ricordo recente, che la scelta di quella foto non è casuale, ma come a volte può capitare, dettata dall’inconscio.

Quella chiesa, quel ponte, quella meraviglia che è San Cristoforo sul Naviglio è un pezzo anche della mia storia. Un quadro che fin da bambino ho visto migliaia e migliaia di volte. Un quadro che, oltre alla pittura, per me rappresenta ricordi, racconti, storie e fantasie.

Un quadro che per anni è stato appeso nella casa di mia nonna. E che oggi, me ne rendo conto, rappresenta davvero il mio luogo del cuore.

 

Articolo precedenteFotografie in Carcere, una mostra tutta da vedere
Articolo successivoVia Giambellino
Danilo Dagradi
Abbandonata agli inizi degli anni 2000 una carriera tra numeri e percentuali, riscopro la passione per Milano e la sua storia ma senza pensare che potesse diventare un lavoro. Con la nascita dei primi social network, avvio un'attività incentrata sulla gestione della comunicazione attraverso anche questi strumenti. Attività che svolgo tutt'ora come Social Media Strategist per aziende e professionisti. Con l'avvio del progetto Milano da Vedere prima e Se Parla Milanes in un secondo momento, divido le mie giornate tra la storia di Milano ed i numeri dei social network...