fbpx
32 C
Milan
sabato 17 Aprile

Masate, ma come Martesana

Più letti

Masate è un piccolo comune della provincia di Milano situato nella zona a nord est della città confinante con la Brianza e facente parte del territorio della Martesana.

Sulle sue origini non ci sono tracce, i primi documenti che citano Masate risalgono all’XI secolo. Era un piccolo borgo agricolo che, sotto il governo spagnolo, faceva parte del Contado della Martesana sotto cui erano raggruppate le Pievi comprese nell’area odierna della Brianza.

Furono diverse e conosciute le famiglie che ebbero tra le mani il feudo di Masate tra cui i Trivulzio, gli Stampa di Soncino, i de Leyva e, non da ultimi, i Visconti di San Giorgio. Da qui, inoltre, ebbe origine la famiglia De Maxate che nel ‘700 risiedeva a Milano e che doveva avere possedimenti in questa zona.

Nel comune erano presenti colture di vite da cui veniva prodotto un vino bianco che godette di una certa popolarità grazie al poeta Carlo Porta che ne decantò la sua qualità.

In via Milano si trova la parrocchia dedicata a San Giovanni Evangelista. Venne realizzata tra il 1832 e il 1842 su progetto dell’architetto Felice Pizzagalli. In stile neoclassico l’edificio ha una pianta a croce greca e presenta un alto tamburo di forma ottagonale che si eleva dal vano centrale. All’interno è conservata una pregevole statua lignea della Madonna risalente al XVII secolo.

Un altro edificio religioso dalle origini più antiche si trova lungo la strada per Gessate. E’ l’Oratorio dei SS. Naborre e Felice collocato presso l’omonima cascina e risalente al XIV secolo. Presenta una navata unica con abside curva divisa dal presbiterio da una balaustra in marmo. L’edificio è completato da una piccola sacrestia e da uno snello campanile.

Nei pressi del canale Villoresi si trova una piccola cappella edificata nei pressi del lazzaretto allestito durante le epidemie di peste del XVII secolo. Al suo interno è conservato un pregevole affresco.

Se capitate da queste parti venite a dare un’occhiata, anche un piccolo comune come Mesate ha i suoi piccoli tesori.

masate - foto di Geobia
masate – foto di Geobia

Leggi anche qui

Inganni, una via, una fermata, un pittore

Inganni, negli anni in cui andavo a scuola era il capolinea della metropolitana rossa. Poi arrivò Bisceglie...   Miei ricordi a...