fbpx
32 C
Milan
martedì 2 Marzo

Signore dell’Arte, magnifiche artiste vissute tra il ‘500 e il ‘600

Dal 2 marzo al 25 luglio 2021, le sale di Palazzo Reale di Milano ospitano una mostra unica dedicata alle più grandi artiste vissute...

Garbagnate Milanese, quante corti!

Più letti

Signore dell’Arte, magnifiche artiste vissute tra il ‘500 e il ‘600

Dal 2 marzo al 25 luglio 2021, le sale di Palazzo Reale di Milano ospitano una mostra unica dedicata...

Olimpiadi 2026: un patto per promuovere le eccellenze a Km0

Mancano 5 anni alle Olimpiadi Milano Cortina 2026. Fondazione Milano Cortina e Confcommercio Lombardia e Veneto hanno siglato un protocollo...

Riqualifica giardino teresa Pomodoro in piazza Piola

Piazza Piola si trasforma: 21 alberi di ciliegio e undici panchine, oltre ad un nuovo percorso pedonale sono infatti...

Garbagnate Milanese. Siamo nel Parco delle Groane a nord di Milano.

I primi insediamenti risalgono ai celti o ai romani. Il ritrovamento di due necropoli a fine ‘800 ha aperto la strada ad entrambe le ipotesi. Nell’ XI secolo il borgo apparteneva alla Pieve di Bollate. Nel medioevo vennero in visita alla chiesa di Garbagnate due figure importanti: San Carlo Borromeo e il Cardinale e Arcivescovo Federico Borromeo.

Con la dominazione spagnola Garbagnate entrò a fare parte del feudo appartenente al marchese Giovanni Manriquez di Mendoza della corte di Carlo V. Quando arrivarono gli austriaci Maria Teresa d’Austria dispose di sistemare le strade impraticabili e potenziò i collegamenti con Milano.

Sotto Napoleone i comuni di Arese, Cesate e Castellazzo vennero aggregati a Garbagnate. Nel 1864, con decreto del Re Vittorio Emanuele II Garbagnate assunse la denominazione di Garbagnate Milanese. A fine ‘800 nacquero le prime industrie e filande, venne costruito il Canale Villoresi per collegare il Ticino all’Adda e si sviluppò la rete stradale.

garbagnate milanese
garbagnate milanese

Nel 1923 venne costruito il Sanatorio Vittorio Emanuele III per curare i malati di tubercolosi. Durante la Seconda Guerra Mondiale Garbagnate organizzò la lotta partigiana: Don Giacomo Gervasoni costituì le Brigate del Popolo e le Brigate Garibaldi fecero resistenza presso il sanatorio. Dopo la guerra nacquero altre industrie che richiamarono lavoratori da varie parti d’Italia.

Camminando per il centro incontriamo la Chiesa Parrocchiale. E’ la Basilica Sub Umbra Petri SS. Eusebio e Maccabei dove troviamo il grande affresco di Cristo Re e le opere di Ambrogio Allievi e Corrado Caviglia. Poi, in Viale Rimembranze troviamo il Santuario della Beata Vergine Maria del Rosario della fine del XVII secolo. Al suo interno una statua lignea della Madonna, il pulpito del ‘600 e un affresco del Tagliaferri.

Passeggiando per Garbagnate Milanese notiamo delle targhe apposte su alcuni edifici. Sono i nomi delle corti di un tempo, sorte nell’antico nucleo di Garbagnate e nelle frazioni si S. Maria Rossa, Siolo e Bariana. Ce ne sono tante, 45 per esattezza. I nomi sulle targhe sono tutti in dialetto milanese.

Leggi anche qui

Besate, un comune tranquillo

Besate è un comune dalle antiche tradizioni agricole, situato sulla riva sinistra del Ticino all’interno del Parco omonimo, nell’area...