fbpx
32 C
Milan
mercoledì 24 Febbraio

Inconsapevole leggerezza del non sapere

Posso immaginare che siate sommersi di articoli, giornali e da quanto so, a breve anche di libri, che trattano l'argomento. Mi perdonerete se anche...

Colturano, ex colonia dei Cistercensi

Più letti

Inconsapevole leggerezza del non sapere

Posso immaginare che siate sommersi di articoli, giornali e da quanto so, a breve anche di libri, che trattano...

Rotonda di San Lorenzo a Mantova

Siamo a Mantova ed eccoci davanti alla Rotonda di San Lorenzo. E' la chiesa più antica della città e già...

Fonderia Napoleonica Eugenia, suono di campane

Fonderia Napoleonica Eugenia si trova in via Genova Thaon di Rivel a Milano nel quartiere Isola. Oggi è un...

Colturano è un piccolo comune della provincia milanese facente parte del Parco Agricolo Sud Milano, situato nell’area sud est tra Melegnano, Mediglia e Dresano e adagiato sulla pianeggiante distesa tra la Muzza e il Lambro.

Di probabili origini romane tradizionalmente si fa coincidere la sua nascita con l’arrivo, nel XII secolo, dei monaci Cistercensi che, stabilitisi a Chiaravalle, misero una colonia di frati agricoltori a Colturano (dal latino “cultus”, coltivazione, coltivato). Grazie a loro i terreni vennero resi fertili con la canalizzazione delle acque e la creazione delle marcite.

In epoca di dominazione spagnola il feudo di Colturano venne concesso alla nobile famiglia milanese Scotti che, nel 1729, si estinse. Il titolo di conte di Colturano e il cognome vennero trasferiti alla famiglia Gallarati che da questo momento diventò Gallarati-Scotti.

L’8 giugno 1859, durante la battaglia di Melegnano, a Colturano la marcia dell’artiglieria francese, guidata dal generale Mac Mahon, venne rallentata, ostacolata dal fango che minò il piano prestabilito: il generale doveva impedire la ritirata degli austriaci dirigendosi a Lodi con i nemici alle spalle. Per tale indugio gli austriaci, pur sconfitti, riuscirono a mettersi in salvo e, a Lodi, Mac Mahon cercò di impedirne la fuga con alcuni colpi di cannone.

Il monumento più rilevante di Colturano è senz’altro il vecchio convento monastero, un fabbricato massiccio dove esistono ancora le celle monacali, il refettorio e la sala capitolare. Abbandonato dai Cistercensi diventò proprietà dei Visconti che in questa zona venivano per fare le loro battute di caccia.

Successivamente il monastero passò ai Trivulzio i quali, più avanti nel tempo, cedettero in parte ai Gallarati-Scotti. Oggi la parte dell’edificio rimasta ai Trivulzio, possedimento del Pio Albergo Milanese, è di proprietà privata, mentre la parte dei Gallarati è stata venduta.

Dell’antico monastero rimane il cortile con il suo porticato, la legnaia, il colonnato superiore insieme agli stemmi dipinti, le cornici in cotto di due finestre, il portale d’ingresso e poche tracce di un affresco. Purtroppo le condizioni di questi elementi sono precarie. Ci auguriamo venga fatto presto un intervento di restauro per recuperare e mantenere queste preziose testimonianze del passato.

Che dite, non vi è venuta voglia di venire a dare un’occhiata?

Colturano
Colturano

Leggi anche qui

Banksy al Teatro degli Arcimboldi

Fino al 13 dicembre è possibile visitare la mostra UNKNOWN - STREET ART EXHIBITION allestita nel foyer del Teatro...