fbpx
32 C
Milan
venerdì 22 Gennaio

Burghy, ritorno al passato?

Burghy, in nome legato a Milano e non solo, ad un periodo "storico" che sembra a volte lontanissimo, ma è dietro l'angolo della storia....

Carpiano, il comune immerso nei campi di grano

Più letti

Burghy, ritorno al passato?

Burghy, in nome legato a Milano e non solo, ad un periodo "storico" che sembra a volte lontanissimo, ma...

Battistero di San Vittore ad Arsago Seprio

Anche la Lombardia ha il suo campo dei miracoli. Alla meraviglia del rinascimento pisano, la nostra regione contrappone il...

Vermezzo con Zelo, un comune giovanissimo

Vermezzo con Zelo è un comune della provincia milanese situato nell’area sud ovest nei pressi di Abbiategrasso.Si tratta di...

Carpiano, comune a forte vocazione agricola, è situato al centro del Parco Agricolo Sud Milano ed è costituito in buona parte da campi irrigati dalle acque del Lambro, del canale Vettabbia e del Lisone.

Le origini di Carpiano sono incerte, non ci sono infatti riscontri che aiutino a risalire alla sua fondazione. Citato per la prima volta su un documento dell’836 nel XIV secolo fu un feudo dei Pusterla di Milano che vennero sterminati dalla famiglia Visconti dopo essere stati condannati per una congiura fallita.

Nel 1395 tutti i possedimenti dei Pusterla andarono a Gian Galeazzo Visconti che, l’anno successivo, li assegnò ai padri della Certosa di Pavia i quali, esperti di bonifiche e coltivazioni, applicarono il loro sapere trasformando Carpiano in una grangia e introducendo la tecnica delle marcite.

Tutto cambiò nel 1784 con la soppressione degli ordini monastici voluta dall’imperatore d’Austria Giuseppe II e con il passaggio di tutti i territori appartenuti alla Certosa di Pavia al barone Giovanni Alessandro Brambilla.

Durante la Seconda Guerra d’Indipendenza a Carpiano si accamparono le truppe francesi e durante la Seconda Guerra Mondiale il paese venne occupato dai tedeschi che si insediarono nel palazzo comunale.

Andiamo alla scoperta del paese partendo dalla chiesa parrocchiale di San Martino Vescovo situata in piazza Colonna. Edificata nel XIV secolo presenta una facciata in cotto a doppio spiovente decorata con un protiro sorretto da colonne tortili di marmo di Candoglia –lo stesso usato per la costruzione del Duomo di Milano– all’esterno della quale sono collocate alcune opere marmoree provenienti dalla Certosa di Pavia.

Un altro edificio interessante da vedere è il castello, antico possedimento della famiglia Pusterla riedificato nel 1549 dai padri certosini che ne fecero una grangia fortificata con quattro torri angolari. All’interno si trovano sale affrescate di notevole pregio.

Sul territorio di Carpiano, costituito prevalentemente da campagne, si trova una fitta rete di cascine abitate e funzionanti dove vi porteremo a curiosare un’altra volta.

Carpiano - foto di Gabriele Bellotti
Carpiano – foto di Gabriele Bellotti

Leggi anche qui

Durini, una via del centro, una famiglia

Durini, una via che tutti conosciamo: corta, ma ricca di cose da vedere. Ne abbiamo parlato spesso. La Famiglia Durini...