fbpx

Villa Scheibler, l’antico casino di caccia di Ludovico il Moro

Più letti

Villa Scheibler è un’antica residenza situata in via Felice Orsini nel quartiere di Quarto Oggiaro.

Di proprietà del Comune di Milano è oggi usata come location per matrimoni. Nacque invece, nella seconda metà del Quattrocento, come casino di caccia di Ludovico il Moro, immersa tra i boschi e circondata da torrenti. In origine l’edificio aveva una pianta a L che nel corso del tempo si trasformò ed ampliò.

Tra il 1500 e il 1650 Villa Scheiber appartenne alla famiglia Del Maino che acquistò parte dei terreni circostanti adibendoli alla coltivazione di foraggio e vite e costruendo alcuni edifici destinati all’attività agricola. In seguito, la proprietà passò ai Longo che ampliarono ulteriormente i possedimenti territoriali e cambiarono la facciata aprendo il portico su colonne tuttora esistente.

Villa Scheibler, l’antico casino di caccia di Ludovico il Moro

Modificarono la casa padronale e fecero costruire una galleria di collegamento tra la villa e il vicino oratorio seicentesco. Fu così che alla fine del XVIII secolo la proprietà venne consegnata ai Melzi-Nazenta e, in seguito, al conte Scheibler.

La villa venne poi ceduta alla Società Anonima Quartieri di Vialba che la utilizzò come allevamento di bachi da seta e, nel 1926, acquistata dal Comune di Milano che cedette buona parte della tenuta per la costruzione di caseggiati.

L’edificio attuale si allunga con due ali verso sud che abbracciano il cortile centrale, a sua volta aperto verso il parco rimesso a nuovo nel 2005 grazie alla posa di un centinaio di nuove piante e alla realizzazione di una fontana a quattro vasche.

Villa Scheibler, rimasta per lungo tempo in stato di abbandono, ha beneficiato di alcune opere di riqualificazione finanziate dal programma europeo Urban II che hanno interessato l’interno dell’edificio e un rustico adiacente, utilizzato attualmente come magazzino.

Ultime

Turisti a Milano: quasi 700 mila a luglio

A luglio, il turismo a Milano supera i livelli pre-Covid. Lo scorso mese, sono stati registrati quasi 700mila arrivi...

Potrebbe interessarti