fbpx

Palazzo Borromeo d’Adda, signorile edilizia milanese

Più letti

Palazzo Borromeo d’Adda si trova verso la fine di via Manzoni, all’altezza del Teatro Manzoni. E’ un elegante edificio risalente al XVIII secolo andato incontro ad una ristrutturazione nel 1820 che gli ha donato una fattura neoclassica.

A quel tempo qui sorgeva un antico convento di suore di clausura agostiniane lateranensi, le Rocchettine, così chiamate per via del rocchetto, un piccolo mantello rosso che indossavano insieme ad un anello d’oro.

Con l’arrivo di Napoleone l’ordine monastico venne soppresso e il convento sgomberato. La struttura venne rilevata dalla famiglia Borromeo d’Adda che la fece sistemare adibendola a residenza di famiglia.

La ristrutturazione di Palazzo Borromeo d’Adda fu affidata all’architetto Girolamo Arganini che adornò il portale centrale con colonne di stile ionico in granito rosa reggenti il balcone del piano nobile. Arganini decorò le venticinque finestre del primo piano con un’alternanza di timpani di forma triangolare e curvilinea e adornò l’attico con lo stemma della famiglia.

Varcando l’ingresso di Palazzo Borromeo d’Adda si intravede, attraverso il cancello in ferro battuto recante la scritta “Humilitas”, lo splendido cortile d’onore racchiuso sui quattro lati da eleganti portici da cui si accede ai piani superiori attraverso la scala che tanto colpì Stendhal.

Lo scrittore venne in visita a Palazzo Borromeo d’Adda quando ancora era in costruzione e ne rimase talmente affascinato da farne un’accurata descrizione nelle sue cronache: “Entrai in una corte magnifica. Scesi da cavallo molto meravigliato e ammirando tutto. Salì per una scalinata superba. Ero affascinato, era la prima volta che l’architettura mi faceva questo effetto“.

Sul fondo si trova un piccolo cortile privato che con i glicini in fiore si colora di mille sfumature. Nel 1936 il giardino di Palazzo Borromeo d’Adda è stato dichiarato di interesse pubblico dal Ministero della Pubblica Istruzione. Trattandosi di residenza privata il cortile è visitabile solo in particolari occasioni.

Come spesso accade le cose belle non sono facilmente accessibili ma quando lo sono diventano superlative. Quindi, ascoltate il nostro consiglio: tenete d’occhio le prossime aperture!

Palazzo Borromeo d'adda foto di Melancholia
Palazzo Borromeo d’adda foto di Melancholia