fbpx
32 C
Milan
venerdì 14 Agosto

Strani numeri su alcuni palazzi di Milano

Dobbiamo tornare indietro di qualche secolo, durante la dominazione austriaca per spiegare questi strani numeri. Che a dirla tutta, una volta che si conosce...

Cascina Sant’Ambrogio

Più letti

Strani numeri su alcuni palazzi di Milano

Dobbiamo tornare indietro di qualche secolo, durante la dominazione austriaca per spiegare questi strani numeri. Che a dirla tutta,...

Palazzo Salis a Tirano

Palazzo Salis: per vederlo dobbiamo arrivare in provincia di Sondrio, per la precisione a Tirano. Una graditissima sorpresa ci aspetta...

Urbanistica tattica: cambiano le piazze di Milano

Ridisegnare i quartieri sperimentando l'urbanistica tattica: è questo il progetto che sta partendo all'Isola, tra il parco Munari ed...

Cascina Sant’Ambrogio. Ci troviamo in via Cavriana, zona Forlanini.

 

Ci sono diversi terreni ed edifici fra cui spicca un’abside. Cosa ci fa un’abside all’interno di una cascina? La risposta è presto data: un tempo qui sorgeva un monastero. Nel 1162 le monache del Monastero di Santa Redegonda si rifugiarono qui dopo l’arrivo di Federico Barbarossa a Milano. Fu così che venne eretta la chiesa.

La chiesa faceva parte della Pieve di Segrate. Nel 1566 Carlo Borromeo venne qui in visita pastorale. L’edificio, come lo vediamo adesso, fu eretto nella seconda metà dell’Ottocento. La chiesa romanica fu completamente abbattuta salvo l’abside che fu adibita per uso agricolo.

Nell’800 la cascina risultava essere di proprietà del Sciur Castelli che la donò ad un istituto di carità per diventare poi possedimento del demanio. Nel 1935 la cascina Sant’Ambrogio era abitata da 12 famiglie. L’abside diventò una ghiacciaia. Fu scavato il pavimento per riporre i cibi da conservare. Gli abitanti erano agricoltori che si mantenevano col lavoro della terra.

Dal 2012 la Cascina Sant’Ambrogio è stata concessa all’associazione CasciNet che si occupa del recupero della struttura. Nell’abside è ancora presente un affresco del Trecento che purtroppo, a causa dell’incuria, è molto ammalorato. Tramite il progetto TOcCARE l’associazione si sta occupando dell’intervento di restauro dell’affresco, della sistemazione dei tetti e degli intonaci esterni, del recupero del fienile e dell’adeguamento degli impianti di riscaldamento.

CasciNet promuove anche progetti socio-culturali fra cui la foresta commestibile in permacultura, dove gli insediamenti agricoli sono progettati in modo da mantenersi autonomamente, la lombricultura da cui si ricava una concimazione biologica del terreno, la Terra chiama Milano, un progetto che ha l’obiettivo di promuovere l’incontro tra persone di culture diverse coinvolgendo anche gli studenti della scuola agraria e del liceo artistico.

C’è poi l’agri-ristoro, l’asilo nel bosco, il welfare generativo, la foresteria sociale. Tante belle iniziative che vi invitiamo a venire a scoprire qui, alla Cascina Sant’Ambrogio.

Articolo precedenteGiuseppe Meazza un vero mito
Articolo successivoCoronavirus, prima e dopo

Leggi anche qui

La serie 1500

LE VETTURE A CARRELLI TIPO 1928 (Serie 1500) Le mitiche ’28 furono costruite a partire dalla seconda meta degli anni...

Palazzo Salis a Tirano

Palazzo Salis: per vederlo dobbiamo arrivare in provincia di Sondrio, per la precisione a Tirano. Una graditissima sorpresa ci aspetta tra le montagne della Valtellina....

Urbanistica tattica: cambiano le piazze di Milano

Ridisegnare i quartieri sperimentando l'urbanistica tattica: è questo il progetto che sta partendo all'Isola, tra il parco Munari ed il parco dell'asilo. Una nuova...