fbpx

Chiude il Villaggio di Natale

Più letti

Danilo Dagradi
Abbandonata agli inizi degli anni 2000 una carriera tra numeri e percentuali, riscopro la passione per Milano e la sua storia ma senza pensare che potesse diventare un lavoro. Con la nascita dei primi social network, avvio un'attività incentrata sulla gestione della comunicazione attraverso anche questi strumenti. Attività che svolgo tutt'ora come Social Media Strategist per aziende e professionisti. Con l'avvio del progetto Milano da Vedere prima e Se Parla Milanes in un secondo momento, divido le mie giornate tra la storia di Milano ed i numeri dei social network...

Chiude il Villaggio di Natale: domani 24 dicembre sarà l’ultima giornata di apertura.

 

Ne avrete sentito parlare anche se non avete bimbi piccoli: qualche mese fa la notizia di questo grande Villaggio di Natale aveva entusiasmato tanti bambini ( e forse anche i genitori), felici di sapere che all’Ippodromo avrebbero potuto passare una giornata del magico mondo di Babbo Natale.

Non è stato però un progetto facile: problemi, ritardi, pioggia, tantissima pioggia, hanno reso tutto molto più complesso del previsto e sono state davvero tante le critiche mosse al Villaggio di Natale ed ai suoi organizzatori.

Chiude il Villaggio di Natale

Ieri la notizia con qualche riga di spiegazione: “Gentile pubblico, il villaggio di Babbo Natale chiuderà il 24 dicembre 2019 alle ore 18 anziché il 6 gennaio 2020. Siamo costretti a questa scelta perché i continui attacchi e le costanti denigrazioni avvenute sui canali social e digitali dei giorni scorsi hanno purtroppo raggiunto il loro effetto riducendo drasticamente la vendita dei biglietti  e ponendoci nelle condizioni di non poter più sostenere i costi di gestione“.

Abbiamo lottato per oltre un mese contro una pioggia eccezionale (nel solo mese di novembre a Milano sono caduti 244 mm a fronte di una media di circa 100 mm) e per rimuovere il fango che aveva letteralmente coperto tutta l’area del villaggio abbiamo dovuto ritardare l’apertura. Di più non potevamo fare. Ringraziamo tutti quelli che sono venuti a trovarci e che hanno apprezzato l’esperienza“.

Ringraziamo anche quelli che ci hanno criticato utilizzando toni decisi ma sempre civili e garbati. Li abbiamo ascoltati e spesso siamo intervenuti -seguendo le loro indicazioni per migliorare i servizi esterni. Quando dovuto, abbiamo rimborsato loro il biglietto, cosa che continueremo a fare per chi ha acquistato il tagliando in prevendita dal 25 dicembre 2019 al 6 gennaio 2020“.

Noi non abbiamo avuto modo di andarci: abbiamo letto come tanti le varie recensioni sul web, ma non abbiamo testimonianze di “prima mano”. Se qualcuno di voi ci fosse stato e volesse condividere con noi l’esperienza, ci farebbe piacere capire meglio.