fbpx

Teglio, uno splendido borgo della Valtellina

Più letti

- Advertisement -
- Advertisement -

Teglio, siamo in uno splendido borgo nel cuore della Valtellina, nella patria del pizzocchero a un’altitudine di 1750 metri.

In antichità faceva parte del Regno Ostrogoto per poi andare, nel VIII secolo, sotto il dominio longobardo. Passato nel 951 al duca di Sassonia Ottone I viene da lui ceduto all’Arcivescovo di Milano nel 962.

Teglio, come tutta la Valtellina, viene conteso nelle lotte tra Milano e Como. Milano lo espugna nel 1262 e, qualche decennio dopo, nel 1335, entra a far parte, insieme a tutta la Valtellina, dei possedimenti del Ducato di Milano.

Dopo un breve periodo sotto il dominio francese nel 1512 viene conquistata dai Grigioni che vogliono diffondere e, in una certa misura anche imporre, la loro religione protestante. Questo provoca reazioni violente da parte dei cattolici che nella notte tra il 18 e 19 luglio del 1620 uccidono circa 600 protestanti in quello che è ricordato come il Sacro Macello di Valtellina.

Il simbolo di Teglio è la torre medievale di Santo Stefano chiamata anche Torre de li beli miri, situata sullo sperone roccioso a sud del paese. Splendidamente conservata è ciò che rimane di un possente castello più volte distrutto durante l’epoca medievale.

La parrocchia di Teglio, la chiesa di Sant’Eufemia, si trova nella piazza omonima. L’edificio che vediamo oggi è frutto di diversi rifacimenti che hanno modificato la chiesa primitiva nata tra il V e il VI secolo. Sulla facciata di impianto romanico è ben visibile il rosone di marmo. Il portale risale al 1506. L’interno è suddiviso in tre navate con volte a crociera.

Tra le più importanti dimore rinascimentali c’è Palazzo Besta edificato nel 1433 dalla famiglia omonima. La facciata presenta un portale marmoreo sopra cui è visibile un fregio con lo stemma familiare. Splendido il cortile interno costituito da un porticato e loggiato rinascimentale. Le pareti sono affrescate con episodi dell’Eneide. Al primo piano i saloni sono affrescati con motivi mitologici. Al piano terra si trova il museo “Antiquarium Tellinum” con steli preistoriche.

Questo è solo un assaggio di ciò che si può vedere a Teglio. Vi invitiamo a venirlo a visitare di persona (quando sarà possibile) e di unire l’utile al dilettevole. Arte, natura e pizzoccheri sono un connubio perfetto!

teglio
teglio