domenica,16 Giugno2024
26.4 C
Milano

In cucina con gli Artisti del Vegetariano

L’invito è inaspettato. Parlo di cibo, ma non così tanto da meritarmi una mail nella quale mi si propone di partecipare ad una esperienza culinaria… in cucina. 

La mia capacità  tra i fornelli è al livello di “ho visto tutte le puntate di Masterchef“: riconosco una mela da una pera, ma non so dare un volto al sedano rapa. E poi lo confesso, non sono vegetariano nè vegano. Mangio di tutto, da sempre.

Nonostante le premesse accetto l’invito anche perchè ero stato tempo fa all’inaugurazione del locale in via Ponte Vetero e mi era piaciuto davvero molto: avevo assaggiato piatti che mi avevo stupito, per la semplicità ed il gusto. Avevo provato per la prima volta ad assaggiare piatti che, mi scuso ancora, non sapevo neanche potessero esistere.

Arrivato quindi all’appuntamento, armato di 1000 scuse (non son capace, non so come si fa, è la prima volta), mi trovo catapultato in un’esperienza che, a tre giorni di distanza, continuo a raccontare per il piacere che ho provato nel passare quasi 3 ore nella cucina di Cristina Biollo.

La storia di Cristina inizia da dietro un banco di frutta e verdura e, agli inizia degli anni ’90 decide di mettere tutta la sua passione per creare una cucina sana, gustosissima, senza sprechi e, badate bene, per tutti. Non è necessario essere vegani, credetemi: anche chi come il sottoscritto non rinuncia alla fiorentina, non può che mangiare con gusto i suoi piatti.

In cucina con gli Artisti del Vegetariano

In quelle tre ore ho capito davvero tante cose: in primo luogo, non buttare niente. Un esempio su tutti? La zucca. Per quanti anni ho buttato la buccia, senza neanche immaginare (ma neanche lontanamente!!) che basta tagliarla con un pela patate, metterci un po’ di sale, olio e dopo un po’ nel forno mangiarla. E con che gusto! Non ci credete? Ok, va bene, non ci avrei creduto neanche io, ma… provate! Fate pure come San Tommaso!

E che dire della prova di “riempire” un fiore di zucca? Sì, d’accordo, è stato più gustoso mangiarlo, ma confesso che “”creare” il piatto è stato davvero bello, divertente e tutto sommato, facile anche per me.

Impossibile poi dimenticare il taglio delle mele per la preparazione del dolce: io che sono famoso per sbucciare una mela talmente tanto in profondità da lasciare giusto il torsolo e buttare via tutto il resto, sono stato graziato dal gettare un’altra mela nel cestino, proprio da Cristina che ci ha invitato a tagliarla a tocchetti ma CON la buccia. What else? Il risultato è ancora ben impresso nelle mie papille gustative!!!

Scherzi parte: una bellissima serata, particolare, divertente, istruttiva e gustosa. Si potesse rifare, giuro che tornerei. E certamente tornerò per qualche piatto che ho scoperto proprio durante questa serata.

E prima di lasciarvi, come non farlo, alle ricette dei piatti che ho preparato, permettetemi una nota, importante per quanto mi riguarda, tanto quanto l’esperienza culinaria: la cucina ed il cibo si sono dimostrati, ancora una volta, veri protagonisti della convivialità e dello “stare assieme”. Eravamo una decina di persone, quasi nessuno si conosceva prima di iniziare, ma alla fine… baci ed abbracci e ci vediamo presto. Cosa c’è di più bello?


FIORI DI ZUCCA CON TIMO RIPIENI DI ZUCCA

fiori di zucca
fiori di zucca

Tagliare la zucca a cubetti, infornare per 30 min in forno pre riscaldato a 180°Una volta che la zucca è pronta disporla in un frullatore e frullare fino ad ottenere un composto omogeneo.Aprire a meta il fiore di zucca, estrarre il picciolo e aggiungere il composto, chiudere il fiore ed infine impanare nella farina di polenta.Disporre il tutto in una teglia e infornare per 30 min in forno a 180°.

SCHIACCIATINA DI AGRETTI, ZUCCHINE E CAROTE

Con un pelaverdure a dentini tagliare le verdure e disporre il tutto in una teglia, infornare in forno preriscaldato a 180° per 20 min.Una volta che le verdure saranno pronte, prendere una manciata di verdure e aggiungere la farina di legumi.Disporre le schiacciatine in una teglia e infornare per 30 min in forno a 180°.

MUFFIN DI FRAGOLE E MELE

Tagliare la frutta a cubetti e infornare per 30 min in forno a 180°. Una volta che la frutta sarà cotta, frullare e per 300g di purea aggiungere due cucchiai di fioretto di mais, amalgamare il tutto e disporre negli stampini da muffin. In forno per 30 min a 180°

Di cosa parliamo

Sant’Ambrogio tra i santi Gervaso e Protaso

Qualche dettaglio lo voglio cercare in questo quadro di...

Palazzo Lurani Cernuschi: Un Tesoro Neoclassico nel Cuore di Milano

Palazzo Lurani Cernuschi è un gioiello architettonico situato nel...

San Benedetto Po, un meraviglioso viaggio tra storia, cultura e gastronomia

San Benedetto Po, situato nella provincia di Mantova, è...

Lago di Monate: Un Paradiso Naturale in Lombardia

Il Lago di Monate, situato in provincia di Varese...

Museo dei Cappuccini: Un Viaggio tra Arte, Cultura e Fede

Il Museo dei Cappuccini di Milano nasce con l’obiettivo...

Cosa vedere e leggere

Sant’Ambrogio tra i santi Gervaso e Protaso

Qualche dettaglio lo voglio cercare in questo quadro di...

Palazzo Lurani Cernuschi: Un Tesoro Neoclassico nel Cuore di Milano

Palazzo Lurani Cernuschi è un gioiello architettonico situato nel...

San Benedetto Po, un meraviglioso viaggio tra storia, cultura e gastronomia

San Benedetto Po, situato nella provincia di Mantova, è...

Lago di Monate: Un Paradiso Naturale in Lombardia

Il Lago di Monate, situato in provincia di Varese...

Museo dei Cappuccini: Un Viaggio tra Arte, Cultura e Fede

Il Museo dei Cappuccini di Milano nasce con l’obiettivo...

Cinisello Balsamo, tra gòss e pescaluna

Cinisello Balsamo è il terzo comune per numero di...

Milano bestiale, una cena storica tutta da scoprire

Milano bestiale. No, nulla di grave, solo il nome...

Traghetto di Leonardo, che genialata!

Il Traghetto di Leonardo è un'antica imbarcazione fluviale, oggi...

A proposito di..

A voi la scelta