fbpx

Mobilità elettrica, una piacevole scoperta

Più letti

Danilo Dagradi
Abbandonata agli inizi degli anni 2000 una carriera tra numeri e percentuali, riscopro la passione per Milano e la sua storia ma senza pensare che potesse diventare un lavoro. Con la nascita dei primi social network, avvio un'attività incentrata sulla gestione della comunicazione attraverso anche questi strumenti. Attività che svolgo tutt'ora come Social Media Strategist per aziende e professionisti. Con l'avvio del progetto Milano da Vedere prima e Se Parla Milanes in un secondo momento, divido le mie giornate tra la storia di Milano ed i numeri dei social network...

Mobilità elettrica: se ne sente parlare sempre più spesso, ma sono ancora poche le persone che hanno avuto modo di provare un’auto completamente elettrica.

Complice Lido Milano Live, la manifestazione al Lido di Milano organizzata da Wau Milano, abbiamo avuto il piacere di fare questa scoperta elettrizzante.

Le cose sono andate così: preparando la manifestazione è venuto in mente che sarebbe stato bello poter spostare i vari artisti che saliranno sul palco durante il mese di luglio, dalla stazione al Lido, dal Lido in albergo, con una mezzo non inquinante. Il messaggio della manifestazione infatti non è solo sociale e culturale, ma anche “eco”.

Abbiamo contattato i nostro amici di Denicar, abbiamo spiegato il progetto e loro sono stati felici di metterci a disposizione una 500 elettrica.

Mobilità elettrica, che piacevole scoperta

Siamo andati a ritirarla e fin da subito abbiamo capito che avevamo tra le mani un qualcosa di diverso: rumore a parte (silenziosissima), si guida con assoluto piacere. E’ scattante, veloce, comoda e incredibilmente “elettronica”: segnali di attenzione ovunque, telecamera, cambio automatico a bottoni.

E la nostra unica preoccupazione, quella della ricarica, si è rivelata infondata: già perchè durante uno spostamenti dal Lido a zona Loreto, ci siamo resi conto di una cosa che ci ha lasciato davvero basiti: partendo con una autonomia di 101 chilometri, dopo averne percorsi 16, l’autonomia era di 99!!!

La macchina infatti, ogni volta che si frena, si ricarica…

Una scoperta davvero elettrizzante. Un futuro della mobilità che, se queste sono le premesse, appare già scritto. Per fortuna.