fbpx
32 C
Milan
mercoledì 12 Agosto

Inveruno, un nome celtico a due passi da Milano?

Inveruno, comune situato a nord ovest di Milano, deve il suo nome alle parole celtiche Ever e Uno il cui significato è pianta di...

Furmagitt di Montevecchia, a spasso tra le colline

Più letti

Inveruno, un nome celtico a due passi da Milano?

Inveruno, comune situato a nord ovest di Milano, deve il suo nome alle parole celtiche Ever e Uno il...

Importare coronavirus: che gusto!

"Avevo prenotato a gennaio, due settimane in Grecia ad agosto. Non ho fatto l'assicurazione, ma non mi interessa se...

Post quarantena, meno stress: ma dove?

Leggo che dopo la quarantena, in città si vive con minor stress. La questione è stata trattata con puntiglio,...

Furmagitt di Montevecchia, squisita prelibatezza brianzola, è uno tra i prodotti più conosciuti di questa zona immersa tra le verdi colline della provincia di Lecco, meta molto amata per la classica gita fuori porta.

 

Passeggiando si incontrano cascine, chiese, ville storiche, boschi, torrenti, coltivazioni di rosmarino e salvia, filari di viti. Salendo in cima al Santuario della Beata Vergine del Carmelo nelle giornate terse non è cosa rara vedere i grattacieli di Milano e la madonnina del Duomo.

Immersi in questo paesaggio affascinante non si può resistere dall’accomodarsi in uno dei locali presenti per assaggiare i famosi furmagitt di Montevecchia, che si possono gustare freschi o stagionati. Fatti di latte vaccino quelli freschi hanno pasta bianca, consistenza spalmabile, aroma delicato e sapore dolce con una nota acidula, quelli stagionati, messi a maturare sott’olio per qualche mese o anche per più di un anno, hanno un colore più scuro, la pasta tende a rassodarsi, il gusto è penetrante, leggermente piccante e talvolta gessoso. Freschi o stagionati che siano sono entrambi deliziosi.

Vediamo una ricetta fatta con i furmagitt di Montevecchia e con il rosmarino coltivato sulle sue colline che, secondo studi fatti, possiede oli essenziali di particolare qualità. Stiamo parlando del gustoso risotto al rosmarino di Montevecchia. Per quattro persone occorrono:

320 gr di riso carnaroli
Due rametti di rosmarino
1 furmagitt di Montevecchia stagionato
1 scalogno
Brodo vegetate q.b.
Olio
Sale
Pepe

In una padella mettete un filo d’olio e soffriggetevi a fuoco basso lo scalogno tagliato finemente. Quando appassisce alzate la fiamma, aggiungete il riso e fate tostare per bene mescolando. Salate e aggiungere due mestoli di brodo.

Mano a mano che il liquido si asciuga aggiungete altro brodo finché la cottura non sarà ultimata. Nel frattempo tritate finemente gli aghi di rosmarino e uniteli al risotto a cinque minuti dal termine della cottura. Una volta pronto mantecate con il formaggio tagliato a pezzetti, mettete un po’ di pepe e lasciate riposare qualche istante prima di servire.

Risotto al rosmarino con furmagitt di Montevecchia pronto! Buon appetito!

Furmagitt di Montevecchia
Furmagitt di Montevecchia

Leggi anche qui

Metropolitana linea 4: disagi sì, ma poi…

Metropolitana linea 4, i lavori proseguono senza sosta.   Se ne sta parlando tanto, ed in questi giorni più del solito...

Importare coronavirus: che gusto!

"Avevo prenotato a gennaio, due settimane in Grecia ad agosto. Non ho fatto l'assicurazione, ma non mi interessa se perdo la caparra. Non ho...

Post quarantena, meno stress: ma dove?

Leggo che dopo la quarantena, in città si vive con minor stress. La questione è stata trattata con puntiglio, spiegando che ad esempio, grazie...