fbpx
32 C
Milan
domenica 1 Novembre

Renato Serra, viale della circonvallazione e poi?

Renato Serra, circonvallazione esterna di Milano. Ma anche Renato Serra scrittore e critico letterario. Nato a Cesena nel 1884 da una famiglia benestante studia presso...

Bitto, la Valtellina nel piatto

Più letti

Renato Serra, viale della circonvallazione e poi?

Renato Serra, circonvallazione esterna di Milano. Ma anche Renato Serra scrittore e critico letterario. Nato a Cesena nel 1884 da...

La città dei cani, mostra fotografica al Parco Sempione

Martedi 3 novembre, presso la biblioteca di Parco Sempione in viale Miguel de Cercantes a Milano, apre LA CITTÀ DEI...

Comprare casa: quando conviene acquistare dal costruttore

Comprare casa è un passo importante e spesso ci si ritrova a valutare l'acquisto di un immobile in costruzione. Indubbiamente...

Bitto, ottimo formaggio d’alpeggio grasso e a pasta semidura, viene prodotto sulle alpi Orobie. Le sue origini sono lontanissime, furono infatti i Celti a trovare il modo di produrre formaggi a lunga conservazione. Oggi ne esistono due varianti: il Bitto DOP e lo Storico Ribelle.

Tutto nacque per una modifica alla disciplinare tradizionale che non venne accettata da alcuni produttori. Tra il ’95 e ’96 il Formaggio Grasso della Valtellina prese il nome di Bitto guadagnandosi la denominazione di origine protetta (DOP). La modifica permise di produrre più formaggio a prezzi contenuti.

I produttori della Valgerola, contrari a questa iniziativa, andarono avanti per la loro strada producendo il Bitto secondo il metodo tradizionale e dando vita al Bitto Storico che presto divenne presidio Slow Food. Il marchio Bitto venne rivendicato dal Bitto DOP. Si rese quindi necessario registrare un nuovo marchio per distinguere e commercializzare i due formaggi senza intralci. Fu così che quello prodotto con metodo tradizionale venne chiamato Storico Ribelle.

Il Bitto si presta benissimo per fare gli sciatt ma è delizioso anche declinato nella ricetta che vi riportiamo di seguito:

Risotto spumante, cipolla e bitto (per 4 persone)

50 gr di formaggio Bitto
160 gr di riso carnaroli
Una noce di burro
1 cipolla rossa
1 carota
1 gambo di sedano
Un bicchiere di spumante
1 litro di acqua
Grana grattugiato
Sale
Pepe

Per prima cosa preparate il brodo mettendo nell’acqua la carota, il sedano e mezza cipolla precedentemente pulite. Ponete sul fuoco e portate a bollore. In una casseruola ponete la cipolla affettata e fatela stufare insieme al burro. Quando diventa trasparente aggiungete il riso e fatelo tostare per bene, mescolando. Sfumate con lo spumante e fate evaporare tutto il liquido.

Portate a cottura aggiungendo il brodo mano a mano che si assorbe. Una volta pronto spegnete il fuoco e aggiungete il bitto precedentemente grattugiato con una grattugia a fori larghi insieme al grana. Mantecate e, dopo aver impiattato, aggiungete un po’ di pepe.

Risotto spumante, cipolle e bitto pronto! Buon appetito!

bitto
bitto

 

Leggi anche qui

San Carlo Borromeo, un incidente diplomatico

San Carlo Borromeo ha il suo monumento in piazza... Borromeo, dove altrimenti? Ma la storia è un filo più lunga:...

La città dei cani, mostra fotografica al Parco Sempione

Martedi 3 novembre, presso la biblioteca di Parco Sempione in viale Miguel de Cercantes a Milano, apre LA CITTÀ DEI CANI, mostra del fotografo siciliano...

Comprare casa: quando conviene acquistare dal costruttore

Comprare casa è un passo importante e spesso ci si ritrova a valutare l'acquisto di un immobile in costruzione. Indubbiamente acquistare direttamente in un cantiere...