mercoledì, Aprile 24, 2024

Novità

Leggi anche

Greco Milanese, l’ex Corpi Santi diventato Greco

Greco Milanese è l’ex Corpi Santi conosciuto oggi come Greco, quartiere situato nella zona nord-orientale di Milano, che fa parte del Municipio 2. Il suo nome ha origini antiche, ma l’ipotesi più accreditata è che derivi dalla famiglia Greco, vassalla del monastero di San Simpliciano, presente sin dal 1147.

In passato, Greco era un comune autonomo di origine medievale, noto come Greco Milanese. Tuttavia, nel 1753, su richiesta dell’imperatrice Maria Teresa, divenne una frazione di Segnano. Nel 1863, Segnano cambiò il suo nome in Greco Milanese, con Greco come capoluogo.

Nel 1902, Milano persuase l’amministrazione comunale di Greco a cedere alcune aree, tra cui piazzale Loreto e la zona futura della stazione Centrale, per completare la costruzione della circonvallazione prevista dal piano Beruto come nuovo limite della città. Tali modifiche furono ufficializzate nel 1904, quando Greco fu definitivamente annesso a Milano nel 1923.

La stazione di Greco Pirelli prende il nome dalle fabbriche Pirelli, situata nel territorio comunale di Greco al momento della sua costruzione nel 1914. Oggi, quest’area è conosciuta come il quartiere di Bicocca e dal 1998 ospita l’Università Milano-Bicocca, seconda sede dell’Università degli Studi di Milano. Oggi, quel territorio è parte del quartiere di Bicocca, vicino ai confini di Segnano.

Greco Milanese, ciack si gira!

Nel cuore del quartiere di Greco si trova il Refettorio ambrosiano, un luogo aperto in occasione di Expo Milano per fornire assistenza alimentare a persone in difficoltà.

Il celebre cantautore Adriano Celentano, originario di Greco, ha dedicato uno dei suoi brani più famosi, “Il ragazzo della via Gluck”, a questo quartiere. Greco ha avuto anche un ruolo significativo nell’industria cinematografica e televisiva, con alcune produzioni girate sul suo territorio. Film come “Miracolo a Milano” (1951), “Milano odia: la polizia non può sparare” (1974), “La piovra 3” (1987), e “Sotto il vestito niente 2” (1988) hanno sfruttato le sue pittoresche location.

Greco viene inoltre citato nei Promessi Sposi di Alessandro Manzoni: nel capitolo 33 Renzo torna in una Milano colpita dalla peste, alla ricerca di Lucia. Alla sera, dopo essere passato per Monza arriva a Greco e vi passa la notte sotto un portico di una cascina, la Cassina de’ Pomm, sopra un mucchio di fieno raccolto. Il giorno successivo ripartirà per Milano.

Cassina de’ Pomm è un quartiere all’interno di Greco, che prende il nome da un’antica cascina del XV secolo situata lungo il Naviglio della Martesana. Questa cascina faceva parte di un sistema di terreni destinati alla coltivazione di mele, voluto da Francesco Sforza nel XV secolo.

Ponte Seveso è un altro quartiere all’interno di Greco, situato a sud di esso. È attraversato dalla linea M1 della metropolitana di Milano, con le stazioni di Rovereto e Sondrio che si trovano nelle vicinanze.

Oggi, Greco è ben collegato al resto della città grazie a varie linee di autobus e tram gestite da ATM, che collegano il quartiere ai quartieri limitrofi e al centro di Milano.

I più letti