fbpx

Una Sala Reale alla Stazione Centrale

Più letti

Forse non tutti sanno che alla Stazione Centrale di Milano esiste una Sala Reale: si trova sul lato sud-est della stazione e fu progettata nel 1931 dall’architetto Ulisse Stacchini, per accogliere i Savoia e permettere loro una confortevole attesa durante i loro viaggi.

Dotata di un ingresso riservato da piazza Luigi di Savoia 1/26, vi si accede direttamente dal Binario 21. La Sala Reale è solo una parte del Padiglione Reale che, comprendendo la Sala delle Armi, misura 416 mq.

Gli interni sono degni di un re: decorazioni, marmi, mosaici, mobili d’arredo sono tutti di grande valore, ed anche i pavimenti in legno intarsiato non sono da meno.

Lo stile impero tipico degli anni Trenta è dominante e lo troviamo nei grandi lampadari, nel parquet intarsiato, nelle fontane in marmo rosso e nelle poltrone con gli alti schienali.

Una Sala Reale alla Stazione Centrale

Osservando il pavimento l’occhio più attento individuerà, tra i tanti motivi decorativi, qualcosa che ricorda una svastica. Non è una somiglianza, è una svastica vera e propria, messa lì con la precisa volontà di dare degna accoglienza ad Adolf Hitler, in previsione di una sua visita, che tuttavia non avvenne mai.

La Sala Reale, progettata dal già citato Ulisse Stracchini, contemplava qualsiasi evenienza che, seppur rara, bisognava considerare: una via di fuga in caso di necessità. Dietro allo specchio del bagno si cela infatti un passaggio segreto che, una volta aperto, permetteva di battere la ritirata a chi conosceva la sua esistenza.

La Sala Reale non è liberamente accessibile. Per visitarla è necessario prenotare. E’ possibile farlo direttamente in stazione oppure mandando una mail a info@grandistazioni.it