San Simpliciano, quanta bellezza. Una delle chiese più antiche di Milano, risalente al suo passato di capitale imperiale romana.

 

Passeggiando lungo corso Garibaldi, non ci si può distrarre troppo guardando le vetrine: si rischierebbe di perdersi questo gioiello, uno scrigno di storia che tutti i milanesi ed ovviamente i tanti turisti, devono conoscere bene. La storia qui è proprio tanta e comincia da lontano.

Appena cristianizzata, la città è retta dal Vescovo Ambrogio. Il paganesimo è sconfitto e bisogna ribadirlo con forza. Quale miglior modo per farlo se non erigere quattro nuove chiese all’esterno delle mura, in prossimità delle strade  degli incroci più trafficati? Detto fatto. Una di quelle, secondo la tradizione è la Basilica Virginum.

La radice paleocristiana è ben confermata dall’archeologia, che però non può giurare sulla paternità del santo. Poco male, la ricchezza storica qui non manca di certo. A terminare i lavori è poi il Vescovo Simpliciano che qui fa seppellire tre martiri prima di trovarvi riposo lui stesso. Probabilmente circondata da un portico, in epoca longobarda la chiesa viene ristrutturata ed ingrandita una prima volta.

Sisinnio, Martirio, Alessandro, i tre martiri sepolti nella Basilica, svolazzano miracolosamente in segno di vittoria nel 1176 posandosi sul Carroccio, il che porta molta fortuna alla Basilica di San Simpliciano, soprannominata Basilica del Carroccio. Qualche secolo dopo subisce la paranoia spagnola, vedendosi mozzato il campanile di ben 25 metri, quel tanto che bastava a non permettere di sbirciare nel castello.

San Simpliciano, un vero gioiello

La vita monastica dura fino al 1798 quando tutto viene tristemente convertito in caserma. Successivamente una parte della struttura convenutale viene demolita e la chiesa restaurata. Nel ‘800 i lavori sono pesanti ed invasivi, quasi sembra un’altra chiesa. Un abito di cemento veste maluccio una gran signora.

Il danno viene rimediato nel ‘900 restituendo dignità ed identità ad una delle chiese più importanti ed affascinanti di Milano.

Entrate e meravigliatevi. E se siete di Milano pensate a quanto siete fortunati: potrete tornare quando volete

san simpliciano
san simpliciano
Articolo precedenteLa Scala festeggia la nuova scuola di Pieve Torina
Articolo successivoSanta Maria alla Fontana
Danilo Dagradi
Abbandonata agli inizi degli anni 2000 una carriera tra numeri e percentuali, riscopro la passione per Milano e la sua storia ma senza pensare che potesse diventare un lavoro. Con la nascita dei primi social network, avvio un'attività incentrata sulla gestione della comunicazione attraverso anche questi strumenti. Attività che svolgo tutt'ora come Social Media Strategist per aziende e professionisti. Con l'avvio del progetto Milano da Vedere prima e Se Parla Milanes in un secondo momento, divido le mie giornate tra la storia di Milano ed i numeri dei social network...