fbpx

Pasticceria Cova, il caffè letterario preferito del Maestro Verdi

Più letti

Per raccontare la Pasticceria Cova Montenapoleone, dobbiamo fare un passo all’indietro nel tempo, per la precisione nel 1817.

All’inizio della sua avventura, è un  Caffè Letterario e fin da subito si distingue per l’eleganza. Interni fastosi e arredi eleganti ospitano borghesi, nobili ed intellettuali. Il lungo bancone per la caffetteria, il lampadario di cristallo ed il pavimento policromo sono osservati da tutti.

Diventa non solo un punto di ritrovo, ma anche il luogo dove  patrioti risorgimentali amano radunarsi. Anche il maestro Giuseppe Verdi ama sedersi al suo tavolo preferito per bere il tè, condividendo passioni musicali, letterarie con artisti e patrioti.

Nel 1950 Pasticceria Cova si trasferisce in via Montenapoleone, proprio all’incrocio con via Sant’Andrea: lusso, design e passioni artigiane convivono una accanto all’altra.

Entrare da Cova è una sorta di rito: un momento particolare da gustare con tutti i sensi. Eleganza, cura per il servizio, professionalità e prodotti originali, preparati come piccoli tesori sono alcune delle cose che qui ogni giorno è possibile trovare.

Articolo precedente
Articolo successivo

Ultime

Profondamente Umano: scatti d’autore e realtà aumentata per chi non può parlare

Il 1° dicembre si svolge al  BASE Milano l’evento Profondamente Umano promosso dal Centro Benedetta D'Intino,  occasione in cui prende vita per la prima volta nel capoluogo lombardo un’installazione...

Potrebbe interessarti