fbpx

Soldi vinti: quando si devono pagare le tasse in Italia?

Più letti

Il jackpot della lotteria è stato centrato o le slot popolari a soldi veri sono state generose? Che benedizione! Ma all’esultanza iniziale segue rapidamente l’ansiosa domanda su come si presenteranno effettivamente le cose a livello fiscale. Quale quota va alle autorità e quanto denaro rimane davvero per il vincitore?

Esistono differenze sostanziali tra le scommesse, il lotto e il classico gioco d’azzardo alle macchinette. La tassazione in Italia è spiegata di seguito con vari esempi.

Tassazione dei giochi della lotteria: ecco come si presentava prima del 2020

Lottomatica riscuoteva imposte dell’8% sulle vincite alla lotteria, il cui valore nominale veniva conteggiato come importo della vincita. Un’eccezione si applica a tutte le vincite di valore inferiore a 500 euro, che sono esenti da imposte. Se la somma delle vincite superava il limite di esenzione previsto dalla vecchia normativa, solo l’importo superiore veniva tassato all’8%. Quindi, se un giocatore della lotteria vinceva 1.000 euro, pagava le tasse solo su 500 euro, poiché il resto è esente da imposte.

Nel senso più remoto del termine, anche i biglietti “gratta e vinci” appartengono alle lotterie, e di solito sono venduti negli stessi negozi. Anche in questo caso si applica il limite di esenzione di 500 euro. Tutte le vincite superiori a questa cifra sono state tassate secondo la vecchia legge, questa volta al 20%.

Anche in questo caso si tratta di un esempio matematico: se un partecipante vince 2.000 euro in un gratta e vinci, si deve pagare un’imposta del 20% su un importo di 1.500 euro. 500 EUR rimangono esenti da imposte.

Dal 2020 prelievo fiscale progressivo sulle vincite al gioco d’azzardo

Le vincite derivanti dal gioco d’azzardo online, dalle scommesse sportive o dai casinò sono soggette a una cosiddetta tassazione graduale da maggio 2020. In precedenza si applicava un’imposta fissa del 12%, che veniva riscossa sulle vincite pari o superiori a 501 euro. La nuova flat tax significa che chi vince di più paga le aliquote fiscali più alte.

Esistono cinque diversi set, classificati come segue:

  • Profitti tra 501 e 1.000 euro = tassazione al 15 %
  • Profitti tra 1.001 euro e 10.000 euro = tassazione al 18 %
  • Profitti tra 10.001 euro e 50.000 euro = tassazione al 21 %
  • Profitti tra 50.001 euro e 10.000.000 euro = tassazione al 23 %
  • Tutti gli utili superiori a 10.000.000 di euro sono tassati al 25 %

Caso particolare di casinò online: Il regolamento ADM prevede una regola speciale nel caso dei casinò online classici. Il prelievo fiscale unico viene determinato in base alla partita in questione. Le videolotterie classiche sono tassate al 6,75%. Le vincite alle slot machine sono tassate con un’aliquota fissa del 19,75%.

Dichiarazione dei redditi e gioco d’azzardo: le vincite devono essere dichiarate?

Chiunque realizzi vincite su un gioco legale in Italia nel 2022 o successivamente è già stato tassato attraverso i concessionari autorizzati. Essi pagano la ritenuta d’acconto finale, quindi le vincite non devono essere dichiarate nella dichiarazione dei redditi ufficiale.

La situazione è diversa se la vincita è stata realizzata su un gioco non ufficialmente consentito in Italia. Un esempio è rappresentato da un casinò straniero. Questo reddito deve essere dichiarato nella dichiarazione dei redditi. La tassazione non è quindi scaglionata come indicato sopra, ma in base alla classe fiscale del vincitore.

Le incertezze sorgono nel caso di vincite conseguite all’interno dell’UE. In questo caso la Corte di Cassazione è giunta alla conclusione che questo reddito non deve essere dichiarato come reddito diverso.

Profitti nel conto: Quando si parla di accertamento fiscale

Il fisco italiano utilizza sistemi intelligenti per determinare il reddito di una persona. Il redditometro confronta tutte le spese sostenute con il reddito dichiarato. Se la discrepanza è superiore al 20%, può essere richiesto un accertamento fiscale. In questo caso, i contribuenti devono presentare chiarimenti che spieghino l’origine degli importi.

Anche il reddito sul conto corrente è monitorato dallo stato. Questo vale ancora una volta per i lavoratori autonomi soggetti all’imposta sul fatturato, i liberi professionisti e gli imprenditori in generale. Finché non viene fornita alcuna prova dei fondi disponibili, questi vengono automaticamente considerati come reddito imponibile. È consigliabile conservare la ricevuta della vincita per poterla presentare in caso di dubbio.

Esempio: uno squattrinato vince 10.000.000 di euro in Italia. Con questa vincita, la persona acquista una casa e un’auto costosa. Poiché non c’è reddito, l’ufficio delle imposte chiede chiarimenti. Presentando la ricevuta di vincita, è possibile chiarire l’origine del denaro e non è dovuto alcun accertamento fiscale.

Le vincite derivanti dal gioco d’azzardo privato non rientrano nel campo di applicazione dell’imposta

Alcuni italiani amano anche giocare all’interno della propria cerchia di amici o della propria famiglia. Nel processo si scommette anche del denaro. Se si vince una certa somma di denaro giocando a poker con gli amici, non ci si deve preoccupare delle tasse. Queste vincite non devono essere tassate.

Lo stesso vale per i giochi organizzati all’interno di società o club chiusi. A condizione che possano partecipare solo i soci di un determinato club, non vi è alcun obbligo fiscale generale come nel caso delle attività pubbliche.

Nessuna deduzione fiscale degli importi investiti

Per determinare il reddito da vincite al gioco d’azzardo, si calcola il totale delle vincite. Si pensa erroneamente che le puntate possano essere detratte dalle vincite. Numerose persone pensano che se vincono 1.000 euro e hanno precedentemente scommesso 200 euro, devono pagare le tasse solo su 300 euro, mentre i restanti 500 euro sono comunque esenti da imposte. Ma questo è un errore. Gli importi scommessi per il gioco d’azzardo non sono deducibili, le vincite totali vengono conteggiate come reddito.

Un’eccezione si applica ai casinò dell’UE o dello stato italiano. Le vincite realizzate in questa sede non vengono conteggiate nella formazione del reddito e quindi non devono essere tassate. Attenzione: questo regolamento si applica solo ai casinò statali e consolidati, non ai casinò online!

Conclusione: sistema fiscale complesso con molti cambiamenti

Mentre le vincite del gioco d’azzardo sono completamente esenti da imposte in Germania, tutti i redditi devono essere tassati qui. Non importa in quale paese siano state realizzate le vincite. Se si tratta di un paese dell’UE, le vincite devono essere dichiarate nella dichiarazione dei redditi o tassate direttamente.

Il pagamento sui siti web certificati AAMS avviene senza esitazioni, perché la ritenuta d’acconto viene già detratta. Non è quindi necessario indicare la provenienza del denaro. Diventa pericoloso quando le scommesse sportive vengono piazzate su piattaforme straniere. In questo caso, non viene pagata alcuna ritenuta d’acconto ai sensi dello stato italiano.

Il contribuente deve essere in grado di dichiarare o dimostrare il profitto in qualsiasi momento. In caso contrario, potrebbe essere accusato di evasione fiscale e quindi soggetto ad accertamento fiscale. Nel caso di un profitto, vale la pena di studiare attentamente la legge per essere al sicuro dal punto di vista legale.

Ultime

Senstation on ice in stazione centrale: spettacolo ghiacciato

Il più grande Ice Rink mai allestito a Milano con 1.300 mq di percorso ghiacciato, 1.500 mq di scenografia...

Potrebbe interessarti