fbpx

Come diventare massaggiatore capo bagnino con il corso MCB a Milano

Più letti

Sempre più spesso si sta affermando una nuova figura professionale: il massaggiatore capo bagnino. Chi vuole intraprendere questo percorso deve dapprima conseguire la certificazione di abilitazione, ovvero l’attestato di abilitazione con valenza di qualifica professionale. Come? Seguendo il corso MCB Milano o in altre città d’Italia o d’Europa.

Che cosa fa un massaggiatore capo bagnino

Ma che cosa fa un massaggiatore capo bagnino? Iscritto nell’elenco delle professioni sanitarie riconosciute dal Ministero della Salute, il massaggiatore capo bagnino (MCB) è la figurata professionista abilitata a fare massaggi dietro specifica richiesta del cliente o una prescrizione medica. Non bisogna però confondere il massaggiatore capo bagnino con il fisioterapista, in quanto i due ruoli sono differenti. Fondamentalmente, un MCB è la figura che esegue massaggi e manovre meccaniche o bagni medicali a scopi terapeutici. Ovviamente, come tutti i massaggiatori, anche un MCB prima di tutto deve riuscire a far rilassare il paziente e poi potrà massaggiare le parti del corpo fino al raggiungimento del completo benessere fisico.

Chi può seguire il corso MCB abilitante

Chiunque sia in possesso di documenti di riconoscimento validi e di un titolo di studio di scuola media superiore o un titolo professionale della durata di 2-3 anni può seguire un corso MCB abilitante alla professione. Chi aspira a diventare massaggiatore capo bagnino deve prima ultimare il percorso formativo e conseguire l’abilitazione con il corso MCB. Solo infatti dopo aver seguito il corso e superato la prova finale si viene abilitati ad esercitare l’arte ausiliaria della professione sanitaria in questione, ovvero un massaggiatore e capo bagnino degli stabilimenti idroterapici. Al termine del tirocinio quindi un MCB può sin da subito lavorare nelle varie strutture site sul territorio italiano ed europeo, purché siano convenzionate con le Regioni o con il Ministero della Salute. In verità, alla fine, un massaggiatore e capo bagnino non presta servizio in vere e proprie strutture sanitarie, ma perlopiù in centri sportivi, centri idroterapici, centri benessere, terme, spa, poliambulatori o residenze per gli anziani.

Il corso MCB di formazione può avere una durata variabile in base all’ente presso cui lo si segue e dalla Regione di appartenenza. Mediamente, però, il corso è suddiviso in ore dedicate solo alla teoria e altre soltanto per il tirocinio. Al termine delle lezioni vengono riconosciuti i crediti formativi.

Qual è la differenza tra massaggiatore capo bagnino e fisioterapista

E quindi qual è la differenza tra un fisioterapista e un massaggiatore capo bagnino? Il primo, che deve aver conseguito almeno la laurea triennale in fisioterapia, è abilitato a svolgere massaggi volti a rieducare la postura o favorire la riabilitazione motoria funzionale del paziente; il secondo, invece, può seguire anche solo un corso MCB per essere abilitato a svolgere la professione in qualità di figura ausiliaria sanitaria che usa elettromedicali soltanto su diagnosi e prescrizioni mediche, fa prestazioni massoterapiche e idroterapiche solo se prescritte dal medico ed effettua massaggi al solo fine di un benessere fisico. Il massaggiatore capo bagnino non può però né diagnosticare né prescrivere cure.

HTML tutorial