fbpx

Sacrestia Aquilonare del Duomo: torna a splendere dopo tre anni di restauro

Più letti

La Sacrestia Aquilonare del Duomo è tornata al suo antico splendore, dopo un restauro durato tre anni che ha interessato il portale cuspidato, le volte affrescate, il pavimento, le pareti in marmo e gli elementi decorativi in cotto.

Stiamo parlando di un luogo storico importante: è il primo nucleo della Cattedrale edificato sul finire del ‘300, sorto dove un tempo si ergeva il Battistero di Santo Stefano alle Fonti noto, tra le altre cose, per aver dato il battesimo ad Ambrogio pochi giorni prima della sua elezione a vescovo di Milano.

L’intervento, promosso da Veneranda Fabbrica del Duomo, è stato portato a compimento con il sostegno del Ministro delle infrastrutture e della mobilità sostenibili, di Regione Lombardia e con l’ausilio tecnico di Mapei.

Il restauro della Sacrestia Aquilonare ha riportato alla luce i colori originari dello splendido portale d’ingresso, delle volte seicentesche affrescate da Camillo Procaccini e i resti di un antico portale in cotto. Ha restituito lo splendore al disegno stellato del pavimento e ha ridato candore al marmo delle pareti.

Sacrestia Aquilonare del Duomo

Gli interventi sono stati eseguiti con la massima attenzione e cautela, tenendo conto delle modalità di realizzazione originarie degli elementi, grazie a cui è stato possibile capire quali fossero i sistemi di pulitura più adatti.

Gli affreschi, ammalorati dall’umidità e dalle tracce dell’incendio divampato nel 1610, sono stati ripristinati egregiamente, mentre il pavimento, con i suoi motivi decorativi costituiti da lastre di marmo policrome, ha richiesto un lungo lavoro di ricerca e di esecuzione.

Dall’11 dicembre al 29 gennaio 2022 la Sacrestia Aquilonare sarà visitabile attraverso i tour guidati organizzati dalla Veneranda Fabbrica del Duomo, prenotabile cliccando su https://www.duomomilano.it/it/

Davvero un’occasione da non perdere!

Ultime

Dove fare la grigliata a Milano (e dintorni)

Dove fare la grigliata a Milano? L’estate è ormai esplosa e con lei la voglia di godersi le lunghe...

Potrebbe interessarti