fbpx

Inconsapevole leggerezza del non sapere

Più letti

Posso immaginare che siate sommersi di articoli, giornali e da quanto so, a breve anche di libri, che trattano l’argomento. Mi perdonerete se anche io di tanto in tanto lego i racconti su Milano a quelli che ho vissuto personalmente quando tutto ha avuto inizio.

Già: tutto ha avuto inizio un anno in questo periodo. Scherzosamente in seguito dissi che ci sarebbe stato un “d.c.” dove il povero Cristo lascia lo spazio a Coronovarirus. Un dopo che stenta ad arrivare e le nostre vite sono ancora in balia di tante limitazioni.

Non so, non ricordo o non voglio ricordare quale giorno preciso fosse, ma so che non siamo molto distanti dall’anniversario. Era una mattina, presto. Come sempre la prima telefonata era quella: ci si sentiva per organizzare la giornata e capire cosa fare. Così fu anche un anno fa, ma prima di salutarci, dissi: “sai, con tutto sta roba che sta succedendo forse è meglio se oggi non ci vediamo. Non tanto per noi, quanto per i ragazzi.”

La risposta fu dello stesso tono: “Ci ho pensato anche io. Sì, credo sia meglio“. Non volendo essere disfattista e soprattutto avendo in corpo una dose di ottimismo che i seguenti mesi hanno prosciugato (ma non del tutto) aggiunsi che “al massimo ci vediamo dopodomani”.

Quel dopodomani è diventato leggermente più lungo: 5 mesi. A scriverlo mi fa ancora impressione: ha fatto in tempo a finire l’inverno, iniziare la primavera e praticamente lasciare quasi il posto all’estate. 5 mesi che hanno contribuito a cambiare tanto, tantissimo. Anche per me.

Inconsapevole leggerezza del non sapere
Inconsapevole leggerezza del non sapere

Ultime

Arengario di Monza, antico palazzo comunale

L’Arengario di Monza, antico palazzo comunale situato in piazza Roma, è uno degli edifici simbolo della città. Risalente al XIII...

Potrebbe interessarti