martedì,21 Maggio2024
14.9 C
Milano

Gino Cassinis, il sindaco della pianificazione pluriennale 

Gino Cassinis fu un ingegnere ed accademico che venne eletto Sindaco di Milano nel gennaio del 1961.

Nato a Milano il 27 gennaio 1885 si formò a Roma laureandosi in ingegneria nel 1909. Si occupò di studi e rilevamenti topografici fino allo scoppio della Prima Guerra Mondiale. Successivamente si dedicò all’insegnamento di topografia e geodesia presso la facoltà di ingegneria di Roma dove rimase fino al 1924, quando si trasferì a Pisa proseguendo l’insegnamento accademico.

Nel 1932 tornò a Milano, chiamato ad insegnare topografia presso il Politecnico. Risale a questo periodo il suo impegno per la riorganizzazione dell’istituto di topografia e l’istituzione di un centro per l’insegnamento della fotogrammetria. Alla fine della Seconda Guerra Mondiale si occupò della ricostruzione e del rinnovamento del Politecnico, dove diventò Preside della Facoltà di Ingegneria tra il 1937 e il 1944 e Rettore fino al 1960.

Aderì al Partito Socialista Democratico Italiano per cui, nel 1952, fu eletto in un primo momento consigliere comunale di Milano e poi assessore per le aziende municipalizzate. Nel gennaio del 1961 prese il posto di Virgilio Ferrari alla guida della città distinguendosi principalmente per la riorganizzazione amministrativa del comune con l’introduzione della pianificazione pluriennale, grazie a cui il bilancio quadriennale fu valido per tutta la durata del mandato.

Gino Cassinis proseguì nel suo incarico di Primo Cittadino fino alla morte che avvenne il 13 gennaio 1964. La sua figura è legata alla formula della “gravità normale” che fu adottata a livello internazionale nel 1930. Diede anche un importante contributo allo sviluppo della fotogrammetria in Italia.

Gino Cassinis: pianificazione pluriennale

Fu inoltre Presidente dell’Accademia dei Lincei, Presidente della Commissione Geodetica Italiana, Presidente della Società Internazionale di Fotogrammetria e co-fondatore dell’Associazione per il Progresso Economico.

Il Politecnico, in memoria di una figura tanto importante, ha dedicato a Gino Cassinis l’Edificio 3 in Città Studi. La scuola secondaria di primo grado dell’Istituto Comprensivo Locchi è intitolata a suo nome come anche il parco presso la stazione di Rogoredo.

gino cassinis - foto di archivio fondazione fiera
gino cassinis – foto di archivio fondazione fiera

Di cosa parliamo

Varzi: una meta imperdibile!

Varzi, un gioiello medievale incastonato nell'Oltrepò Pavese, sorge al...

Corsa contro il tempo per la nuova pista da bob

Il cronometro continua a ticchettare implacabile mentre Milano-Cortina 2026...

Buccinasco, un connubio perfetto tra storia, cultura e natura

Buccinasco è un comune situato a sud-ovest di Milano,...

A Maccagno dal Luini: venite con noi?

Se sei alla ricerca di un'esperienza indimenticabile e desideri...

Ristorante Voglia, dove cibo ed eros si fondono in un’esperienza unica e coinvolgente

Nel cuore di Porta Venezia a Milano, l'audace visione...

Consigliamo:

Varzi: una meta imperdibile!

Varzi, un gioiello medievale incastonato nell'Oltrepò Pavese, sorge al...

Corsa contro il tempo per la nuova pista da bob

Il cronometro continua a ticchettare implacabile mentre Milano-Cortina 2026...

Buccinasco, un connubio perfetto tra storia, cultura e natura

Buccinasco è un comune situato a sud-ovest di Milano,...

A Maccagno dal Luini: venite con noi?

Se sei alla ricerca di un'esperienza indimenticabile e desideri...

East Market, domenica 19 maggio torna l’appuntamento con il vintage

Nuovo appuntamento con East Market, l’evento del vintage milanese...

Scegliere i giocattoli perfetti per i bambini: come fare

I genitori spesso sottovalutano il valore educativo dei giocattoli,...

Peschiera Borromeo, a spasso tra cascine e castello

Peschiera Borromeo,  incantevole comune situato nell'area a sud est...

A proposito di..

A voi la scelta