fbpx
32 C
Milan
martedì 27 Ottobre

Rosso, la mostra fotografica da chef Borghese

Il lusso della semplicità, ristorante – galleria dello chef Alessandro Borghese in zona CityLife a Milano ospita la mostra fotografica “Rosso” che inaugura martedì...

Zibido San Giacomo quante cascine in un borgo antico

Più letti

Rosso, la mostra fotografica da chef Borghese

Il lusso della semplicità, ristorante – galleria dello chef Alessandro Borghese in zona CityLife a Milano ospita la mostra...

Casorezzo, a spasso nel Parco del Roccolo

Casorezzo, oggi ci troviamo nella zona nord ovest di Milano all’interno del Parco del Roccolo, che comprende anche i...

Una bella novità in piazzale Lotto

Pochi mesi fa ne abbiamo parlato diverse volte in occasione delle bellissime serate organizzate da Retake Milano: oggi una...

Zibido San Giacomo è un piccolo comune in provincia di Milano situato a sud ovest all’interno del Parco Agricolo Sud.

Si è formato dalla fusione di più comuni alcuni dei quali composti solo da una o più cascine. Da un documento del catasto del 1757 risultava che i comuni facenti parte del territorio zibidese fossero Zibido, San Giacomo, San Novo, San Pietro, Cusico, Vigonzino, Cassina Pelucca, Moirago, Pioltino, Mandrugo, Femegro e Viano.

Zibido San Giacomo è un borgo antico che in epoca longobarda era abitato dalla tribù dei Gepidi. Il primo documento che testimonia l’esistenza del villaggio zibidese è del 1176. Esistono tuttavia documenti antecedenti che menzionano alcuni luoghi che oggi sono delle frazioni del paese.

Napoleone apportò alcune modifiche alla conformazione dei comuni. Unì Zibido, costituito da 300 abitanti scarsi, a San Pietro Cusico. Nel 1844 vennero fatte divisioni diverse che portarono alla formazione di 4 comuni ossia Zibido San Giacomo, San Pietro Cusico, San Novo e Vigonzino.

Nel 1870 Vigonzino, San Novo e San Pietro Cusico vengono anch’essi  inglobati: nel 1965 Binasco ha ceduto la frazione Badile al comune zibidese.

Essendo sempre stata una zona agricola l’area è ricca di cascine alcune delle quali risalenti a diversi secoli fa. La Cascina San Giovanni ad esempio risale al Cinquecento. La Cascina Femegro è sorta sulle rovine di un edificio fortificato risalente al XII secolo. La struttura è costituita da quattro torrette. All’interno di una di queste si trova una piccola cappella dedicata a Sant’Anna dove si trova una rappresentazione di Maria Bambina pregevole.

Camminando per il Zibido San Giacomo incontriamo la chiesa dei Santi Vincenzo e Bernardo risalente all’inizio del Seicento che, al suo interno, custodisce un affresco notevole. Nella chiesa della Natività dell’inizio del Cinquecento si trova una Sacra Famiglia della cerchia del Botticelli.

Infine la Chiesa parrocchiale di San Giacomo che, sorta su un edificio religioso del XII secolo, custodisce tracce di affreschi del passato oltre a un coro ligneo cinquecentesco e un sarcofago in Serizzo che, secondo una leggenda, conteneva le spoglie di San Giacomo provenienti da Gerusalemme.

zibido san giacomo
zibido san giacomo

Leggi anche qui

Storia di uno di noi

Questa è la storia di uno di noi. Quando, un po' di anni fa, ho cominciato a raccontare la città...

Casorezzo, a spasso nel Parco del Roccolo

Casorezzo, oggi ci troviamo nella zona nord ovest di Milano all’interno del Parco del Roccolo, che comprende anche i comuni di Parabiago, Busto Garolfo,...

Una bella novità in piazzale Lotto

Pochi mesi fa ne abbiamo parlato diverse volte in occasione delle bellissime serate organizzate da Retake Milano: oggi una notizia che ci dà modo...