Tornavento, foto di foto di Luca Sacchet per Varese News
Tornavento, foto di foto di Luca Sacchet per Varese News

Siamo a Tornavento e precisiamo subito: la provincia non è Milano, ma Varese.

 

Poco importa però. Perchè ci troviamo nel paese natale del naviglio grande. Forse già abitato in epoca romana, Tornavento deve però il nome proprio alla tradizione barcaiola. A quanto pare, qui si ergeva una fortificazione molto antica, a cui naturalmente non mancava una torre. La torre era visibile chiaramente dai chi navigava sul Ticino e fungeva quindi da importantissimo punto di riferimento per i naviganti, quasi fosse un faro: la Turris Naventium.

Il palesarsi di questa torre segnalava ai barcaioli l’avvicinarsi dell’imbocco del naviglio grande. Turris Naventium identificherà anche le case intorno a questa fortificazione che poi declinerà nei secoli, trasformandosi in Tornavento. Che fine abbia fatto quell’antica fortificazione con la torre da cui prende il nome il paese, non è sicuro, ma con tutta probabilità oggi la conosciamo come Villa Parravicino.

Duemila, non è l’anno, ma il numero dei caduti nel 1636. Qui infatti viene anche combattuta la battaglia di Tornavento, scontro tra francesi e spagnoli durante la guerra dei trent’anni, prima di diventare territorio della famiglia Parravicino.

Nell’ottocento, lungo la scarpata che da piazza Parravicino porta al fiume Ticino era stata edificata la Ferrovia delle Barche ideata da Carlo Cattaneo per sollevare le stesse dal Naviglio  e da lì trasportarle su vagoni trainati da cavalli.

Più vicino ai giorni nostri è da ricordare che nel 1998 Piazza Parravicino venne sottoposta a una ristrutturazione totale. Il progetto  ne ha fatto una delle piazze più suggestive della zona, con una vista unica sulla sottostante valle del fiume Ticino e una panoramica sulla catena delle Alpi che spazia dal massiccio del Monte Rosa alle cime del Monviso.

Articolo precedenteCasa Fontana Silvestri – cosa vedere in corso Venezia
Articolo successivoPiazza Affari: tanta storia nella city
Danilo Dagradi
Abbandonata agli inizi degli anni 2000 una carriera tra numeri e percentuali, riscopro la passione per Milano e la sua storia ma senza pensare che potesse diventare un lavoro. Con la nascita dei primi social network, avvio un'attività incentrata sulla gestione della comunicazione attraverso anche questi strumenti. Attività che svolgo tutt'ora come Social Media Strategist per aziende e professionisti. Con l'avvio del progetto Milano da Vedere prima e Se Parla Milanes in un secondo momento, divido le mie giornate tra la storia di Milano ed i numeri dei social network...

LASCIA UN COMMENTO

Scrivi tuo commento
Scrivi tuo nome