fbpx
32 C
Milan
sabato 31 Ottobre

Renato Serra, viale della circonvallazione e poi?

Renato Serra, circonvallazione esterna di Milano. Ma anche Renato Serra scrittore e critico letterario. Nato a Cesena nel 1884 da una famiglia benestante studia presso...

Villa Cella, villa patrizia di inizio Novecento

Più letti

Renato Serra, viale della circonvallazione e poi?

Renato Serra, circonvallazione esterna di Milano. Ma anche Renato Serra scrittore e critico letterario. Nato a Cesena nel 1884 da...

La città dei cani, mostra fotografica al Parco Sempione

Martedi 3 novembre, presso la biblioteca di Parco Sempione in viale Miguel de Cercantes a Milano, apre LA CITTÀ DEI...

Comprare casa: quando conviene acquistare dal costruttore

Comprare casa è un passo importante e spesso ci si ritrova a valutare l'acquisto di un immobile in costruzione. Indubbiamente...

Villa Cella: siamo in via Novara, e più precisamente al civico 89. Chissà quante volte ci sarete passati davanti senza farci mai troppo caso. A meno che non siate appassionati di antichi palazzi, difficilmente avrete notato quell’edificio giallo di due piani con i balconcini a colonne di marmo bianco situato a poca distanza dallo stadio di San Siro.

Si tratta di uno delle poche costruzioni presenti su questo territorio agli inizi del ‘900 insieme alle Officine Leonardo da Vinci e allo stabilimento Forlanini che nei pressi di piazza d’Armi (corrispondente oggi all’incrocio tra via San Giusto e via Domokos) realizzava dirigibili e battelli acquatici precursori degli attuali aliscafi.

Accanto a Villa Cella si trovava una scuderia per i cavalli, un deposito per le carrozze, uno per il fieno e un’abitazione per la servitù. Successivamente la proprietà passò ad una ricca famiglia di origine tedesca per poi andare, dopo la prima guerra mondiale, ad un milanese già proprietario di altri immobili a Milano.

Tra il 1950 e il 1960 Villa Cella diventò sede della società di cosmetici Hanorah il cui fondatore era il conte Franco Cella di Rivara che, dopo aver venduto la Durban’s, volle buttarsi in una nuova avventura.

Allestì dei capannoni nella parte retrostante villa Cella per la produzione dei cosmetici. Le cose andarono bene e fu necessario uno spazio più grande dove collocare uno stabilimento più adeguato allo sviluppo dell’impresa. Per questo il conte Cella alla fine degli anni ’70 vendette la proprietà agli attuali proprietari che vollero riportarla all’antico splendore dedicandosi al restauro dell’edificio.

La ristrutturazione restituì gli originali pavimenti in legno di rovere, i soffitti dipinti e quelli in legno a cassettoni, le finestre con i vetri antichi e i reticoli a piombo, le porte ad arco, gli antichi camini del ‘600 e il cortile.

Oggi Villa Cella è una location dove si organizzano manifestazioni in un ambiente riservato ed elegante come convegni, esposizioni artistiche e presentazioni.

Villa Cella
Villa Cella

 

Leggi anche qui

Iginio Massari, la sua colazione: l’ho provata. Due volte.

Ieri ho fatto colazione da Iginio Massari. So perfettamente che tutti conoscete il Maestro: il Maestro dei Maestri pasticcieri. Colui...

La città dei cani, mostra fotografica al Parco Sempione

Martedi 3 novembre, presso la biblioteca di Parco Sempione in viale Miguel de Cercantes a Milano, apre LA CITTÀ DEI CANI, mostra del fotografo siciliano...

Comprare casa: quando conviene acquistare dal costruttore

Comprare casa è un passo importante e spesso ci si ritrova a valutare l'acquisto di un immobile in costruzione. Indubbiamente acquistare direttamente in un cantiere...