Palazzo Pozzobonelli Isimbardi
Cosa vedere a Milano: in via Piatti palazzo Pozzobonelli Isimbardi. Foto di Giovanni Dall'Orto

Eccola qui, un’altra piccola oasi rinascimentale, nascosta nelle nostre vie: Palazzo Pozzobonelli Isimbardi. Oggi siamo in via Piatti, in pieno centro, a due passi da via Torino. Nella Milano in cui avremmo potuto incrociare i maestri Bramante e Leonardo, qui inizia il cantiere di questo splendido palazzo. A costruirlo è Bergonzio Botta, il quale decide di sottolineare al meglio la sua alta posizione sociale, potendo vantare di essere ormai dignitario alla corte di Ludovico Sforza. Lo stile è quello bramantesco, un porticato in cotto, tondi con ritratti classici e volte affrescate. Dei Botta si perde la memoria con l’arrivo dei successivi proprietari, i Pozzobonelli, parenti stretti della famiglia Isimbardi. Il cambio è sottolineato dagli stemmi che troviamo agli angoli del cortile, in cui si riconoscono i simboli di entrambi i casati. Il cortile è fortunatamente rimasto intatto, regalando a chi varca la soglia una bellissima suggestione, rivivendo per un attimo le atmosfere sforzesche e rinascimentali. Intorno al 1783 è il cardinal Pozzobonelli a prender residenza qui, adeguandola ai nuovi gusti con interventi massicci. L’architetto Reggiori ci mette mano nel 1920 , ma il danno lo fa ovviamente la guerra di cui è vittima nel 1943. I danni sono molti, ma non irreparabili e per fortuna il complesso viene recuperato.

Altri articoli sui palazzi milanesi? Ecco qui: Scopri Milano con noi

Ecco cosa dice Wikipedia a proposito di questo palazzo: it.wikipedia.org/wiki/Palazzo_Pozzobonelli-Isimbardi