fbpx
32 C
Milan
mercoledì 24 Febbraio

Inconsapevole leggerezza del non sapere

Posso immaginare che siate sommersi di articoli, giornali e da quanto so, a breve anche di libri, che trattano l'argomento. Mi perdonerete se anche...

PAC Padiglione d’Arte Contemporanea

Più letti

Inconsapevole leggerezza del non sapere

Posso immaginare che siate sommersi di articoli, giornali e da quanto so, a breve anche di libri, che trattano...

Rotonda di San Lorenzo a Mantova

Siamo a Mantova ed eccoci davanti alla Rotonda di San Lorenzo. E' la chiesa più antica della città e già...

Fonderia Napoleonica Eugenia, suono di campane

Fonderia Napoleonica Eugenia si trova in via Genova Thaon di Rivel a Milano nel quartiere Isola. Oggi è un...

PAC, Padiglione d’Arte Contemporanea è un luogo aperto a tutti dove vivere e condividere la cultura contemporanea attraverso l’arte. Si trova in via Palestro,14 a Milano.

L’antenato del PAC nacque nel 1947 quando il Comune di Milano decise di collocare le collezioni delle Civiche Raccolte del XX secolo nell’area delle ex-scuderie di Villa Reale, andate distrutte dai bombardamenti del 1943.

Fu l’architetto Ignazio Gardella ad occuparsi del progetto dell’edificio: nato sullo stesso perimetro dei rustici originali venne diviso su tre livelli in modo da permettere un dosaggio e una differenziazione della luce negli ambienti in base alle esigenze delle collezioni presenti.

L’inaugurazione del Padiglione come polo museale avvenne nel 1954, ma presto, per andare incontro alle esigenze di apertura verso l’arte straniera dettate dal clima favorevole del post-guerra, accolse una collezione monografica di Georges Roualt dando spazio, da lì in avanti, alle esposizioni temporanee.

Seguì un periodo di chiusura per restauri che terminò nel 1979. Il PAC riaprì abbandonando definitivamente il ruolo museale a favore dell’esposizione di mostre temporanee, con lo scopo di acquisire opere per completare le collezioni civiche.

Nel 1993 il PAC, simbolo di cultura e arte italiana, subì un attentato di matrice mafiosa da cui ne uscì distrutto. Fu ancora Ignazio Gradella, nel 1996, a progettare la ricostruzione rifacendosi alla struttura originaria migliorando però gli spazi espositivi per avvicinarlo a quelli contemporanei.

PAC è socio fondatore di AMACI (Associazione dei Musei d’Arte Contemporanea Italiani) creata con l’obiettivo di condividere esperienze ed energie per promuovere l’arte contemporanea in Italia, in collaborazione con altri musei e spazi impegnati sul territorio nazionale.

A partire dal 16 febbraio 2021 sarà possibile vedere la mostra Autoritratto di Luisa Lambri. Si potrà accedere dal martedì al venerdì dalle 10:00 alle 19:30 (giovedì dalle 10:00 alle 20:30). E’ consigliata la prenotazione (attiva dal 10-02)

pac
pac

 

Leggi anche qui

Campus estivi Pirelli Hangar Bicocca

Campus estivi Pirelli Hangar Bicocca Come ogni anno ricominciano i campus estivi Pirelli Hangar Bicocca, che offrono a bambini e...