fbpx
32 C
Milan
giovedì 26 Novembre

Mi manca l’arrivo sotto casa degli Zampognari

Torno ancora una volta indietro nel tempo, non tantissimo, ma quanto basta per avere ricordi non proprio nitidi. Diciamo "qualche cosa", ma con tante...

Castello di Malpaga, una fortezza inespugnabile e una corte principesca

Più letti

Mi manca l’arrivo sotto casa degli Zampognari

Torno ancora una volta indietro nel tempo, non tantissimo, ma quanto basta per avere ricordi non proprio nitidi. Diciamo...

Luminarie Natale: Centrale District non rinuncia

Si sono dati appuntamento in via Vittor Pisani, grande arteria che collega la Stazione Centrale di Milano a piazza...

Liceo Scientifico Alessandro Volta, un po’ di storia, la sua.

Liceo Scientifico Alessandro Volta situato in via Benedetto Marcello, 7 fa parte delle scuole storiche di Milano. L’edificio, sorto in...

Castello di Malpaga, situato all’interno del Parco del fiume Serio, è una delle più importanti costruzioni lombarde del 1300. Malpaga, frazione di Cavernago (Bg), è un piccolo borgo medievale che circonda le mura della fortezza.

Il castello è conosciuto principalmente per essere stato la residenza del condottiero Bartolomeo Colleoni, Capitano Generale della Repubblica di Venezia. Egli lo acquistò nel 1456 e trasformò quello che era un maniero diroccato in una fortezza inespugnabile. Stabilì qui il suo quartiere generale e creò una corte principesca a vanto e conferma del prestigio raggiunto e del potere conquistato.

Per renderlo inattaccabile fece innalzare le mura, scavare un secondo fossato e costruire degli alloggi per le truppe. Tutto intorno vennero edificate le abitazioni per i suoi armigeri, le scuderie e delle porte fortificate. Il Castello di Malpaga era pronto, nel 1458 Bartolomeo e sua moglie Tisbe Martinengo si trasferirono alla reggia e qui ricevettero i personaggi di spicco dell’epoca.

Venne ospitato persino il Re di Danimarca Cristiano I, evento celebrato negli affreschi ancora oggi visibili alle pareti, dove sono rappresentati il corteo regale, le scene di caccia, i tornei, i giochi ed un pantagruelico banchetto finale.

Questi affreschi, attribuiti al Romanino, ricoprono quasi interamente le pareti del Castello di Malpaga. Hanno un valore inestimabile non solo da un punto di vista artistico ma anche da quello narrativo: sono infatti una fotografia degli usi e dei costumi dell’epoca.

Interessante vedere la camera da letto del Colleoni che oggi è paragonabile ad un bunker: non c’è un camino per evitare una possibile intrusione nemica dalla canna fumaria e ci sono le sbarre alle finestre per scongiurare attacchi di ogni genere.

Alla morte di Bartolomeo Colleoni, avvenuta nel 1475, il Castello di Malpaga passò ai suoi nipoti e rimase di proprietà dei Martinengo-Colleoni fino al 1859.

E’ davvero un bellissimo luogo da visitare. Parola di Viaggio in Lombardia!

Castello di Malpaga
Castello di Malpaga

 

Leggi anche qui

Cascina Bagutto dal 1284

Cascina Bagutto. Si trova in via Elio Vittorini in zona Ponte Lambro. Questo luogo è davvero una perla unica....

Luminarie Natale: Centrale District non rinuncia

Si sono dati appuntamento in via Vittor Pisani, grande arteria che collega la Stazione Centrale di Milano a piazza Repubblica, per accogliere le prime...

Liceo Scientifico Alessandro Volta, un po’ di storia, la sua.

Liceo Scientifico Alessandro Volta situato in via Benedetto Marcello, 7 fa parte delle scuole storiche di Milano. L’edificio, sorto in epoca fascista, è stato inaugurato...