lunedì,15 Luglio,2024
HomeFuori ma vicinoGiornate dei castelli, palazzi e borghi medievali

Giornate dei castelli, palazzi e borghi medievali

Martedì 25 aprile torna l’appuntamento con la manifestazione: “Giornate dei castelli, palazzi e borghi medievali” promossa dall’associazione Pianura da Scoprire. Dopo il successo della giornata di Pasquetta, con oltre tremila visitatori, tante località ricche di fascino apriranno le loro porte per svelare il loro passato.

Giornate dei castelli, palazzi e borghi medievali è un appuntamento fisso per tutti gli amanti della storia, dell’arte e della promozione del territorio che approfittano della manifestazione per scoprire luoghi di solito non fruibili sparsi nelle 4 province lombarde: Bergamo, Brescia, Cremona e Milano.

Non solo accompagnamento ai beni di interesse ma anche tantissime attività proposte per arricchire la giornata. Sono sempre moltissime, infatti, le attività collaterali come eventi, mostre, mercatini e attività per bambini che arricchiscono la giornata dei visitatori.

Giornate dei castelli, palazzi e borghi medievali

 

Martedì 25 aprile, in via eccezionale, nel comune di Trezzo sull’Adda aprirà al pubblico il bellissimo Convento di Concesa: affacciato sul fiume Adda, circondato da natura il Santuario e il Convento sono uno scrigno della storia del nostro territorio oltre che un punto di riferimento per la pietà popolare. La visita verterà sulla storia dell’edificio ma sarà arricchita anche dai racconti della quotidianità della vita di un frate raccontati dai frati stessi che ancora oggi vivono nel convento.

Sempre martedì 25 aprile per le giornate dei castelli, palazzi e borghi medievali tornerà visitabile il comune di Rivolta d’Adda,  dove i visitatori saranno accompagnati in un percorso di circa 90 minuti in cui potranno visitare l’imponente Basilica romanica di Santa Maria e San Sigismondo, la Chiesa rinascimentale di Santa Maria Immacolata che vanta affreschi di scuola leonardesca e Palazzo Candiani-Celesia, edificio signorile ora in stile neoclassico che racconta vicende storiche, delle quali mostra i segni, a ritroso nel tempo fino al periodo cinquecentesco.

 In ogni località si potranno effettuare visite e partecipare ai numerosi eventi che i comuni organizzano in concomitanza delle giornate di apertura. Molto apprezzata dal pubblico anche la formula proposta, vincente per semplicità e autonomia organizzativa: i visitatori possono liberamente scegliere quali e quante realtà visitare sulla base degli orari di apertura di ciascuna località, sempre consultabili e aggiornati sul sito dell’associazione Pianura da Scoprire www.pianuradascoprire.it.

A tal proposito

Più letti