fbpx

Old Fashion Milano: è sempre una grande festa

Più letti

Sono poche le persone che non hanno mai messo piede all’Old Fashion e ancora meno quelle che non ne hanno mai sentito parlare.

Non potrebbe essere altrimenti visto che parliamo di un luogo storico sorto nel 1933 e trasformato nel corso del tempo, assecondando le mode e le tendenze senza mai perdere la propria identità.

Frutto di un progetto più ampio affidato all’architetto Giovanni Muzio che diede vita alla Triennale originò dal Loisir, lo spazio adibito alla fruibilità da parte del pubblico che comprendeva un ristorante, una sala concerti e una sala danzante sulla terrazza.

Dopo la Seconda Guerra Mondiale la zona ristorante venne ridimensionata dando spazio ad una sala da ballo con due piste separate. Stava nascendo la struttura dominante dell’Old Fashion che negli anni Cinquanta si chiamava Trianon. Nei mitici anni Sessanta il locale che cambia il nome in Piper ospita non solo grandi nomi della musica italiana come Patty Pravo e Lucio Dalla, ma anche leggende della musica quali Jimi Hendrix.

old fashion
old fashion

Old Fashion Milano: è sempre una grande festa

Nel 1970 il locale cambia nuovamente nome prendendo ispirazione da un famoso long drink a base di Whiskey e soda servito in un bicchiere Tambler basso: l’Old Fashion. È un Ristorante & Dancing con Orchestra oltre che Night Club con arte varia.

Negli anni Novanta, dopo un periodo di programmazione a intermittenza, il locale viene rinnovato e inaugurato nel 1995 con una diretta televisiva del programma Nonsolomoda condotto da Marcello Mastroianni.

Un rinnovamento strutturale accompagnato da una vena artistica che vede la sua espressione nell’esposizione di opere di maestri quali Cassinari, Musella e Mastroianni all’interno del locale e tra gli archi del giardino. All’inizio del nuovo millennio gli spazi vengono ampliati e il Giardino spostato nella nuova zona alberata, dove viene posizionato un patio centrale adibito a pista da ballo.

L’ultima ristrutturazione risale al 2006 per mano dell’architetto Fabio Rotella che elimina gli elementi neobarocchi precedentemente introdotti per restituire all’Old Fashion l’aspetto Futurista originario, aggiungendo elementi di minimalismo moderno. Nello stesso anno il locale riceve il riconoscimento di “Locale di rilevanza storica” da parte del Comune di Milano e della Regione Lombardia.

Oggi come ieri l’Old Fashion è un locale di tendenza aperto dal mercoledì alla domenica dalle 20.00 alle 05.00.

 

Ultime

Ferragosto a Milano, cosa fare di diverso?

Ferragosto a Milano. Per scelta, per necessità, per esigenza: qualsiasi sia il motivo per cui vi trovate in città,...

Potrebbe interessarti