fbpx
32 C
Milan
sabato 27 Febbraio

Sanremo, un parcheggio a Milano ricco di storia

Sanremo, ma non c'entra niente il festival. Siamo a Milano, in centro. Non è una sorpresa almeno per chi ha avuto modo di leggere qualcosa...

San Pietro dei Pellegrini, piccola ma molto importante

Più letti

Sanremo, un parcheggio a Milano ricco di storia

Sanremo, ma non c'entra niente il festival. Siamo a Milano, in centro. Non è una sorpresa almeno per chi ha...

Casa Laugier, liberty in corso Magenta

Casa Laugier: siamo in corso Magenta, 96 all’angolo con piazzale Baracca dove si trova una edificio liberty dall’impronta classicista...

Strega comanda color…

Strega comanda color... temo che pochi ricordino questo modo di dire. Era un gioco, un gioco da bambini di...
Danilo Dagradi
Danilo Dagradi
Abbandonata agli inizi degli anni 2000 una carriera tra numeri e percentuali, riscopro la passione per Milano e la sua storia ma senza pensare che potesse diventare un lavoro. Con la nascita dei primi social network, avvio un'attività incentrata sulla gestione della comunicazione attraverso anche questi strumenti. Attività che svolgo tutt'ora come Social Media Strategist per aziende e professionisti. Con l'avvio del progetto Milano da Vedere prima e Se Parla Milanes in un secondo momento, divido le mie giornate tra la storia di Milano ed i numeri dei social network...

San Pietro dei pellegrini: siamo in Corso di Porta romana e questa chiesa può scappare alla nostra attenzione non solo per la consueta fretta che ci contraddistingue, ma anche perché le sue dimensioni e l’essere incastrata in mezzo ai palazzi non aiutano certamente.

Siamo lungo una strada che qualche secolo fa era quella dove avremmo visto le carrozze della Milano “bene” prima che corso di Porta Venezia le usurpasse questo ruolo.

La chiesa di San Pietro dei pellegrini e e legata al nome di Bernabò Visconti che fece costruire qui proprio, sulla strada di passaggio dei pellegrini,  un ospizio con una chiesa dedicata agli apostoli Pietro e Paolo.

I pellegrini potevano qui sostare ed avere vitto alloggio per due giorni. Era il 1372 ed alcune parti di quell’ospizio e di quella chiesa sono rimasti fino ad oggi anche se è giusto ricordare che gli affreschi di quel andarono perduti durante la seconda guerra mondiale. C’è chi racconta di aver avuto modo di poterli ammirare: furono infatti ritrovati sotto l’intonaco agli inizi del ‘900 e sicuramente qualcuno sarà stato tanto fortunato da poterli apprezzare.

Oggi la chiesa di San Pietro dei Pellegrini è stata sconsacrata ed è attualmente una proprietà privata.

san pietro dei pellegrini
san pietro dei pellegrini

Leggi anche qui

Chiamatelo Castello Cova

Castello Cova Eccoci davanti a Palazzo Cova, anche se verrebbe quasi naturale chiamarlo castello. Quando si è in zona Sant'Ambrogio è...