Abbazia Monluè
Abbazia Monluè

Abbazia Monluè: siamo nella zona est della città non molto distanti dall’aeroporto di Linate.

 

Uno dei tanti ed insospettati angoli di rurali e spirituali di una città troppo spesso sottovalutata. Atmosfere d’altri tempi ed una pace surreale riescono a cancellare i rumori della città invadente, che qui, assicuriamo, incredibilmente non si percepiscono.

Già vissuto forse dalla Milano romana, ci troviamo in un borgo antichissimo in cui sorge l’Abbazia di San Lorenzo in Monlué.

L’Abbazia Monluè fu fondata nel 1267 dall’ordine degli Umiliati, che già risiedevano in città a Santa Maria in Brera, il complesso abbaziale rispecchia i canoni romanici dell’ordine: ancor oggi riconoscibili gli elementi caratterizzanti la vita monastica, tra cui il mulino, testimone della doppia attività monacale, divisa tra spirito e terra, preghiera e agricoltura.

Nel 1571 San Carlo Borromeo sciolse l’ordine e tutto il borgo venne diviso in tante parti. Solo verso la fine del ‘900 entra a far parte del patrimonio del Pio Albergo Trivulzio.

E’ indubbio che l’arrivo della tangenziale est (primi anni ’70 del secolo scorso) abbia portato l’Abbazia Monluè ancora di più ai margini della città questo borgo, già provato da un allontanamento delle persone dopo la guerra.

Una testimonianza troppo vicina alla città e allo stesso tempo tanto lontana dal logorio della vita moderna, per non esser rivalutata e visitata.

Danilo Dagradi
Abbandonata agli inizi degli anni 2000 una carriera tra numeri e percentuali, riscopro la passione per Milano e la sua storia ma senza pensare che potesse diventare un lavoro. Con la nascita dei primi social network, avvio un'attività incentrata sulla gestione della comunicazione attraverso anche questi strumenti. Attività che svolgo tutt'ora come Social Media Strategist per aziende e professionisti. Con l'avvio del progetto Milano da Vedere prima e Se Parla Milanes in un secondo momento, divido le mie giornate tra la storia di Milano ed i numeri dei social network...