Nel pieno della movida milanese, proprio a ridosso delle famose Colonne di S. Lorenzo ecco che troviamo una porta. Siamo sul medesimo asse viario romano che da Mediolanum portava a Ticinum, ovvero Pavia, troviamo l’arco e le torri di Porta Ticinese. Parliamo della versione medioevale dunque, che ha origine in epoca comunale. E’ una delle sei porte principali della città che da il nome anche al sestiere corrispondente. Ristrutturata da Azzone Visconti nel ‘300 viene rimaneggiata pesantemente nel 1861 su progetto di Camillo Boito che apre altri due varchi laterali proprio nelle torri. La versione originale poteva contare però solo sull’arco centrale, il che gli vale il soprannome famosissimo per i milanesi. Porta Cicca, dallo spagnolo chica, ossia porta piccola riferito proprio all’unico arco di cui era dotata, a differenza delle altre cinque che potevano contare su due aperture e agevolare meglio il traffico. Ecco quindi l’originale Porta Cicca, la porta piccola.