Gualtiero Marchesi
Gualtiero Marchesi

Gualtiero Marchesi

Il 26 dicembre 2017 Gualtiero Marchesi ci ha lasciato. Ammalato da diverso tempo, è morto qui a Milano. Lascia un segno indelebile nella cucina e cultura milanese ed italiana. Ripercorriamo insieme parte della sua storia.

Nato nel marzo del 1930 in una famiglia di ristoratori, fin da piccolo muove i primi passi in quella che sarà l’avventura della sua vita. Si trasferisce alla fine della guerra in Svizzera e frequenta la scuola alberghiera di Lucerna. Torna poi in Italia e per alcuni anni lavora nell’albergo di famiglia, per poi proseguire i suoi studi ed il perfezionamento della sua tecnica a Parigi.

Apre in seguito il suo primo ristorante a Milano e nel 1978 ecco la prima stella Michelin. Arriviamo ad una data importante, il 1986. E’ il primo ristorante italiano a ricevere le tre stelle. Nel 1991 viene nominato commendatore dall’allora presidente delle repubblica Cossiga.

Tanti i “ragazzi” che si sono formati nella sua scuola di cucina: nomi che oggi spiccano nel panorama culinario. Tra i tanti, ecco  Carlo Cracco, Ernst Knam, Lucia Pavin, Davide Oldani e Daniel Canzian.

Non solo cucina per Marchesi: la passione per l’arte l’ha portato nel 2010 ad inaugurare  al Castello Sforzesco, una mostra  che ripercorre i passi e i momenti della sua esperienza, fra arte, cucina e successo internazionale.

Nel 2008 restituisce le stelle Michelin. Il motivo? Lo spiega lui stesso. Grazie Maestro.

« Ciò che più m’indigna è che noi italiani siamo ancora così ingenui da affidare i successi dei nostri ristoranti — nonostante i passi da gigante che il settore ha fatto — a una guida francese. Che, lo scorso anno, come se niente fosse, ha riconosciuto il massimo punteggio a soli 5 ristoranti italiani, a fronte di 26 francesi. Se non è scandalo questo, che cos’è? […] Quando, in giugno, polemizzai con la Michelin lo feci per dare un esempio; per mettere in guardia i giovani, affinché capiscano che la passione per la cucina non può essere subordinata ai voti. So per certo, invece, che molti di loro si sacrificano e lavorano astrattamente per avere una stella. Non è né sano, né giusto»


Milano (è) da vedere

Qualche passeggiata per Milano? Clicca qui!

Vuoi conoscere le botteghe storiche? Ecco la pagina giusta!

Seguici su Facebook.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here