Grezzago, a due passi dall’Adda

Più letti

Grezzago, piccolo comune della provincia milanese orientale, fa parte del territorio della Martesana.

Le origini di Grezzago sono incerte, non sono mai state rinvenute tracce di una centuriazione romana sebbene nei comuni circostanti fosse presente. Ciò fa pensare che in quel periodo il suo territorio fosse semplicemente ricoperto dai boschi.

La prima testimonianza scritta dell’esistenza di Grezzago risale al 1154 e si tratta di una bolla papale di Adriano. La presenza della chiesa di San Martino fa tuttavia pensare che la sua fondazione sia collocabile all’epoca carolingia.

Tra il XII e il XIII secolo Grezzago entrò sotto la sfera di influenza di Milano che ne amministrava la giustizia, il potere militare e la riscossione delle imposte.

Durante la dominazione spagnola la popolazione grezzaghese si trovò in condizioni terribili, causate dallo sfruttamento economico e dalla subordinazione sociale. I più poveri tentarono di reagire alla situazione arruolandosi nelle truppe spagnole o in bande dedite al brigantaggio. Molti di loro persero la vita, provocando un calo demografico accentuato anche dalle epidemie di peste e dalle carestie.

Nel 1652 il feudo di Grezzago venne acquistato dal patrizio milanese Massimiliano Morone Stampa. Egli ricompensò la fedeltà dei suoi sudditi con la ristrutturazione della chiesa di San Martino, rifacendo il campanile e costruendo la sacrestia.

Con la dominazione austriaca, in netta contrapposizione all’indifferenza e alla corruzione del governo spagnolo, venne data al territorio un’amministrazione esemplare. Con la creazione delle mappe catastali non solo vennero registrati i confini dei territori e le relative colture, ma vennero anche suggerite quelle più adatte per ogni territorio, dando così modo ai proprietari di sfruttare le terre nella maniera migliore.

Tra la fine del XVIII secolo e l’inizio del XIX si affermò l’industria tessile e l’allevamento di bachi da seta.

Grezzago, villa Zoja

In piazza San Martino si trova Villa Zoja, dimora storica che per cinque secoli ospitò illustri personaggi. Appartenuta ai Soncino-Stampa nel 1851 venne acquistata da Giovanni Zoja. Egli avviò nelle vicinanze una filanda per la produzione della seta che poi trasformò in torcitura, dando lavoro a molti abitanti della zona fino al 1969. Conserva al suo interno affreschi seicenteschi e bei soffitti ad ombrello lunettato.

Villa Zoja insieme alla chiesa di San Martino sono l’orgoglio di Grezzago. Quando passate di qua venite a dare un’occhiata!

Grezzago - chiesa di San Martino
Grezzago – chiesa di San Martino

Ultime

Monastero di Santa Giulia, tesoro storico e spirituale nel cuore di Brescia

Il Monastero di Santa Giulia, prezioso scrigno intriso di storia e spiritualità, si erge maestoso nel cuore di Brescia,...

Potrebbe interessarti