Alda Merini

Alda Merini nasce a Milano il 21 marzo 1931. La sua prima casa, quella in via Mangone (Porta Genova), viene distrutta durante i bombardamenti a Milano, mentre lei e la sua famiglia erano nel rifugio sottostante.

A 12 anni aiuta sua mamma a partorire suo fratello, nato in una Milano distrutta, dove in tanti hanno perso tutto. E allora scappano a Vercelli e per paura si nascondono in una risaia. Come tanti bambini dell’epoca, non va a scuola. Alda Merini ha avuto quattro figlie: Emanuela, barbara, Flavia e SImona, avute insieme al marito Ettore Carniti.

Inizia a scrivere poesie a 15 anni, ma la sua scrittura vivrà una sosta durante il periodo in cui viene ricoverata presso l’ospedale psichiatrico Paolo Pini. Alda Merini ha avuto una vita complessa, con un marito violento e ubriacone (come spesso erano gli uomini di quella generazione, cresciuti durante la guerra, la miseria e la fame).

La depressione l’accompagna per quasi tutta la vita vivrà una situazione economica non facile. Nella seconda metà degli anni ’80 riprende a scrivere e migliora anche il suo stato emotivo. Lei è La Poetessa. E forse solo lei è in grado di parlarci realmente di sè “Sono nata il ventuno a primavera ma non sapevo che nascere folle, aprire le zolle potesse scatenar tempesta. Così Proserpina lieve vede piovere sulle erbe sui grossi frumenti gentili
e piange sempre la sera. Forse è la sua preghiera“.

La poetessa muore a Milano il primo novembre 2009. Questo e molto altro è stata Alda Merini, nata a Milano il 21 marzo 1931


Scopri Milano insieme a noi,  clicca qui – Seguici su Instagram – Pagina Facebook

LASCIA UN COMMENTO

Scrivi tuo commento
Scrivi tuo nome