Palazzo Bovara - foto di Melancholia~itwiki
Palazzo Bovara - foto di Melancholia~itwiki

Poco conosciuto, è uno dei palazzo neoclassici meglio riusciti di Milano. Palazzo Bovara lo scopriamo in Corso Venezia al n°51, inconfondibile per la sua facciata elegante e misurata, appunto in stile neoclassico, costruito nella seconda metà del ‘700.

Professore a Pavia e Ministro del Regno Italico, è il conte Giovanni Bovara a costruirlo incaricando del progetto l’Architetto Francesco Soave. Il risultato è un palazzo che sembra trasportato qui direttamente dal ‘500 vantando anche un giardino insospettabile e vastissimo proprio alle sue spalle.

Già con la Repubblica Cisalpina, Palazzo Bovara ospita l’ambasciata francese e continuerà farlo fino al 1814. E’ in questo periodo che qui capita un giovanissimo Stendhal, che nel 1800 appena diciassettenne indossava la divisa dell’armata napoleonica. Ha residenza qui per pochissimo, ma è proprio in questo momento che si innamora della città riuscendo a tornare solo nel 1811 e poi definitivamente, due anni dopo.

Una gran bella zona questa per vivere a Milano. Nuova, elegante mondana e con il mormorio delle rogge che percorrevano il corso. I cambi di proprietà si susseguono senza sosta fino al ‘900 passando ai Camozzi, ai Dal Pozzo, Busca e Benni, architetto che nel primo ‘900 compra e lavora agli interni. A lui si devono gli splendidi parquet ed il nuovo scalone.

Oggi è sede di rappresentanza del Circolo del Commercio.


www.milanodavedere.it

www.facebook.com/milanodavedere

Articolo precedenteSanti Re Magi
Articolo successivoChef & Blues
Danilo Dagradi
Abbandonata agli inizi degli anni 2000 una carriera tra numeri e percentuali, riscopro la passione per Milano e la sua storia ma senza pensare che potesse diventare un lavoro. Con la nascita dei primi social network, avvio un'attività incentrata sulla gestione della comunicazione attraverso anche questi strumenti. Attività che svolgo tutt'ora come Social Media Strategist per aziende e professionisti. Con l'avvio del progetto Milano da Vedere prima e Se Parla Milanes in un secondo momento, divido le mie giornate tra la storia di Milano ed i numeri dei social network...

LASCIA UN COMMENTO

Scrivi tuo commento
Scrivi tuo nome