fbpx

Vacanze in Sardegna: le cose da sapere per l’estate 2021

Più letti

Trascorrere le vacanze estive in Sardegna rimane il sogno di molti, nonostante le numerose polemiche nate lo scorso anno in seguito ai numerosi focolai registrati sull’isola durante i mesi di maggior afflusso turistico. Gli italiani però iniziano a manifestare i primi segni di insofferenza nei confronti del Covid e sembra che non abbiano alcuna intenzione di rinunciare alle prossime vacanze. I limiti rimarranno e Solinas ha già annunciato di voler prendere provvedimenti per evitare che la situazione degeneri come l’anno scorso, ma le prenotazioni iniziano già ad arrivare.

Le vacanze in Sardegna dunque non saranno un miraggio per coloro che amano l’isola e vogliono concedersi qualche settimana di relax al mare. Per evitare di farsi cogliere impreparati tuttavia conviene prestare attenzione. Ecco alcuni consigli utili per chi intende organizzare le proprie vacanze 2021 sull’isola più bella d’Italia.

Quando prenotare traghetto e hotel

Il primo dubbio degli italiani che intendono organizzare le vacanze estive in Sardegna riguarda le prenotazioni, sia del traghetto che della struttura in cui soggiornare. Quello che stiamo attraversando è infatti un periodo d’incertezza e non ci è dato sapere come sarà la situazione tra qualche mese. In molti hanno paura a prenotare sin da ora, proprio per questo motivo: i possibili imprevisti da mettere in conto da qui all’estate sono numerosi e non tutti se la sentono di correre il rischio. Fortunatamente però per quanto riguarda i traghetti Sardegna, Sicilia e le altre isole italiane possono contare sulle promozioni lanciate da alcune compagnie – Chi prenota entro il 15 marzo infatti può modificare la data di partenza quante volte vuole, senza pagare alcuna penale.

Lo stesso discorso vale anche per quanto riguarda case vacanze, ville in affitto ed hotel. Molte delle strutture ricettive hanno scelto di permettere agli ospiti di disdire la prenotazione in libertà anche all’ultimo minuto, se il motivo è legato al Covid. Non si rischia dunque di perdere il proprio denaro e si può prenotare in tutta tranquillità, anche subito.

Solinas punta al certificato vaccinale e ai test negativi

Solinas, Presidente della Regione Sardegna, ha dichiarato di voler mettere in atto delle misure per prevenire anche questa estate il picco di contagi che la Sardegna aveva registrato lo scorso anno. La proposta è la medesima che aveva avanzato nel 2020 ma che non aveva trovato approvazione in quanto ritenuta anticostituzionale. Solinas vorrebbe che gli ingressi all’isola fossero consentiti solo ai turisti in possesso di un certificato che attesti la negatività al Covid-19 e quest’anno aggiunge anche quello vaccinale. In sostanza dunque il Presidente della Regione chiede la possibilità di vietare gli sbarchi in Sardegna a coloro che potrebbero aver contratto il virus, ma con ogni probabilità la misura non sarà approvata dal Governo nemmeno quest’anno.

Certo, si tratta di un’idea interessante per garantire la non diffusione del Covid, ma come ribadito in più occasioni anche lo scorso anno si tratta di una misura decisamente discutibile. Quello che cambia adesso è il ministro di riferimento: Mariastella Gelmini, che potrebbe essere d’accordo con quanto sostenuto da Solinas.