fbpx
32 C
Milan
giovedì 13 Agosto

Milano, si torna a giocare in cortile

Che bei ricordi: pomeriggi e serate intere passati in cortile a giocare. Dal calcio ad una serie infinita di altri giochi, sempre in compagnia. Sembra...

Lo chiamavano Trinità, dallo schermo tv al museo

Più letti

Milano, si torna a giocare in cortile

Che bei ricordi: pomeriggi e serate intere passati in cortile a giocare. Dal calcio ad una serie infinita di...

Un aperitivo remando nel Naviglio Grande

Metti una sera di agosto sui navigli. Troppo facile così. Metti una sera di agosto a pagaiare nel Naviglio...

Milano da bere: per una volta cambiamo il verbo

Milano rinasce ogni mattina, pulsa come un cuore. Milano è positiva, ottimista, efficiente. Milano è da vivere, sognare e godere. Milano da...
Danilo Dagradi
Danilo Dagradi
Abbandonata agli inizi degli anni 2000 una carriera tra numeri e percentuali, riscopro la passione per Milano e la sua storia ma senza pensare che potesse diventare un lavoro. Con la nascita dei primi social network, avvio un'attività incentrata sulla gestione della comunicazione attraverso anche questi strumenti. Attività che svolgo tutt'ora come Social Media Strategist per aziende e professionisti. Con l'avvio del progetto Milano da Vedere prima e Se Parla Milanes in un secondo momento, divido le mie giornate tra la storia di Milano ed i numeri dei social network...

Lo chiamavano trinità: ricordate questo film mitico? Meravigliosi Bud Spencer e Terence Hill. Un film che avremo visto centinaia di volte e le cui battute sono memorizzate come una poesia nelle nostre menti.

Se anche voi amate quel genere di film e Trinità e Bambino vi mancano, potete fare un salto a Cavona, zona Cuveglio ovvero in provincia di Varese ed entrare in un museo di storia davvero particolare: qui infatti troverete tante “cose” cha hanno a che fare con il Sud Ovest americano.

Dalle Colt ai Winchester, dalle stelle degli sceriffi agli speroni e briglie dei cavalli senza dimenticare i pezzi di storia dei nativi americani: quello che era l’asilo oggi è la sede de «The American Southwest Museum».

Lo chiamavano Trinità

Il museo nasce dalla passione di Enzo Vescia, chirurgo, che durante i suoi viaggi oltre oceano ha raccolto non solo importanti testimonianze ma anche tanti oggetti. Con la sua morte nel 1989 la moglie donò tutto al Comune di Cuveglio che lo sistemò dove possiamo vederlo oggi.

Il pubblico aumenta ogni anno così come i “pezzi” esposti che arrivano da altri lasciti. L’ingresso al museo è gratuito ma se qualcuno volesse lasciare qualcosa per contribuire alle spese fa sempre comodo e piacere.

E cosa ne pensano i residenti? Sono felici e l’idea del museo è piaciuta subito. Talmente tanto che anni fa venne fatto un referendum sull’argomento che, come si può intuire, è andato nella direzione sperata.

Quindi che dire: se anche voi ogni tanto sentite la mancanza de “Lo chiamavano Trinità” qui potrete entrare in contatto se non con i nostri due beniamini, ma con qualcosa di quel mondo. La strada da Milano non è molta e sicuramente l’occasione di visitare il museo vi darà modo, qualora non la conosciate, di vistare una zona particolare della nostra regione. Una delle tante che meriterebbero qualche visita in più.

lo chiamavano trinità
lo chiamavano trinità

Articolo precedenteMonte Isola. Che panorama!
Articolo successivoMuseo Civico di storia naturale

Leggi anche qui

I navigli di Leonardo ?

Quando Leonardo arriva a Milano nel 1482  trova in realtà una città già navigabile, con le sue conche: quella...

Un aperitivo remando nel Naviglio Grande

Metti una sera di agosto sui navigli. Troppo facile così. Metti una sera di agosto a pagaiare nel Naviglio Grande: improvvisamente ti senti in...

Milano da bere: per una volta cambiamo il verbo

Milano rinasce ogni mattina, pulsa come un cuore. Milano è positiva, ottimista, efficiente. Milano è da vivere, sognare e godere. Milano da bere. Questo è forse lo slogan...