fbpx

Come scegliere un’auto usata perfetta per le proprie esigenze

Più letti

Acquistare una vettura usata spesso si rivela essere la scelta giusta rispetto ad un veicolo nuovo. Il risparmio economico, però, non è l’unica ragione che induce le persone ad effettuare questa scelta. Molte persone, infatti, amano cambiare il proprio mezzo di trasporto con molta frequenza, e non reputano conveniente investire in uno nuovo “di zecca”; oppure non hanno dimestichezza alla guida e preferiscono una macchina di seconda mano per sentirsi più sicure. Tuttavia, è bene seguire alcuni consigli per trovare la macchina adatta.

Dove comprare un’auto usata

Ci sono diversi modi per comprare una macchina usata. Ci si può rivolgere direttamente ad un privato che ha messo in vendita la sua vettura, ad una concessionaria che tratta anche usato, ad un rivenditore specifico di veicoli di seconda mano, oppure su internet, tramite piattaforme che propongono diversi modelli, illustrandone le caratteristiche e permettendo di concludere l’acquisto con un semplice click, con consegna presso un punto di ritiro convenzionato. In ogni caso, per trovare il rivenditore giusto, è possibile effettuare una ricerca, e trovare auto usate Milano, Roma e in tutte le città d’Italia. Ognuna di queste alternative ha vantaggi e svantaggi. Rivolgersi ad un rivenditore professionista, in ogni caso, è la scelta che tutela maggiormente il cliente, in quanto essi sono obbligati a garantire, per legge, un anno di garanzia su quanto venduto.

Come scegliere il veicolo

Scegliere la vettura più confacente alle proprie esigenze non è facile. Anche tra le auto usate, infatti, è possibile trovare una vasta scelta di modelli. Un’idea su quale tipologia orientarsi può essere fornita, ad esempio, dalle recensioni ed i pareri degli utenti su internet, oppure leggendo una rivista specializzata che si occupa di testare i veicoli per formulare un giudizio, evidenziando pro e contro. Dopo aver ristretto il campo tra le potenziali scelte, è bene valutare le condizioni delle vetture e gli optional con le quali vengono vendute ad un determinato prezzo. Alcuni equipaggiamenti potrebbero essere inutili, ma altri potrebbero, invece, essere necessari per l’utilizzo che se ne fa dell’auto. Bisogna, poi, tenere in considerazione il sistema di alimentazione. Se si ha intenzione di percorrere solo pochi km ogni anno, o se si intende utilizzare il veicolo prevalentemente in città, è meglio orientarsi per un modello benzina, o, in alternativa, ibrido o elettrico. Se, invece, si percorrono molti km, è possibile valutare anche motorizzazioni GPL e metano.

Capire se il prezzo è giusto

Dopo aver scelto la macchina adatta, è bene effettuare alcune considerazioni concernenti il prezzo. Ovviamente, è fondamentale avere in mente il prezzo di listino dello stesso veicolo, però nuovo, e ricordarsi che al momento della consegna il veicolo già subisce una svalutazione dovuta all’IVA. Con delle ricerche, poi, è possibile informarsi sulle quotazioni delle auto usate confrontando i vari prezzi. Ad incidere sul costo finale, poi, sono l’anno di immatricolazione, l’usura complessiva del veicolo (carrozzeria, componenti elettriche, componenti meccaniche ecc.) ed il chilometraggio: in questo caso andrebbe sottratto lo 0,3% per ogni 1.000 km aggiuntivi rispetto alla quotazione della vettura. Riguardo quest’ultimo punto, è fondamentale controllare in base alle revisioni fatte, che il chilometraggio riportato sul contachilometri sia reale.